2 Commenti

Venduta alla Ge.pri la farmacia comunale di piazza Cadorna

farmacia

Venduto alla Ge.pri, società immobiliare di Pizzighettone, lo stabile della farmacia di piazza Cadorna. L’aggiudicazione è divenuta definitiva da parte del Comune, per un prezzo di 480mila euro al netto delle imposte: questa è stata l’unica offerta pervenuta all’utima asta per la cessione dello stabile. Quella precedente era andata deserta, ma successivamente era giunta una proposta di acquisto da parte della stessa Ge.pri, che proponeva un prezzo di 425mila euro. Gli uffici competenti del Comune non ritenevano congrua l’offerta in quanto presentava un abbattimento superiore al 30% rispetto alla base d’asta. A settembre giungeva al Comune un’altra offerta migliorativa da parte della stessa Ge.pri e gli uffici rimettevano all’asta l’immobile; non essendo giunta alla scadenza nessun’altra offerta, veniva accettata quella della Ge.pri, con un ribasso del 21% rispetto alla perizia. L’immobiliare pizzighettonese (Gianpaolo Sordi legale rappresentante) è anche proprietaria di diverse unità commerciali in Galleria XXV aprile.

Si allunga così la lista dei beni che l’ente locale cede ai privati, secondo una logica spiegata dallo stesso sindaco Perri qualche mese fa. Il Comune non ha più soldi e per fare le manutenzioni ordinarie di scuole, marciapiedi e strade o assume mutui o utilizza i proventi delle alienazioni. Sempre difficili da portare a termine considerato il generale contesto di crisi. Quest’anno però sono state mese a segno più vendite rispetto agli anni scorsi, forse anche grazie alle progressive diminuzioni di prezzo. Oltre alla farmacia comunale di Piazza Cadorna sono andate in porto le cessioni degli ex bagni pubblici e dell’area di fronte al centro commerciale CremonaPo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • seppemarin

    Certo che nn hanno soldi se li sono pappati tutti

  • seppemarin

    C Lassico vendere il sedere