Commenta

Sorpresa di fine anno sulle case Aumentano tutte le aliquote dell'Imu

tasse

Andranno in votazione in Consiglio Comunale nel pomeriggio di lunedì l’assestamento al bilancio di previsione 2013 e contestuali nuove aliquote dell’Imu. Tutte in aument0, da quella di base  ai negozi e alle botteghe storiche, alle unità immobiliari in uso alle onlus e alle associazioni di beneficienza. La delibera passata in commissione Bilancio la scorsa settimana parla chiaro e nel confronto tra 2012 e 2013 non c’è una sola voce in diminuzione. L’aumento più vistoso, che però non dovrebbe (a meno di sorprese dell’ultima ora dal Governo) gravare direttamente sulle tasche dei contribuenti, è relativo all’abitazione principale che passa dallo 0,50 allo 0,60%. Aumento di 0,05 punti percentuali per tutte le altre tipologie, tra cui l’aliquota di base (dallo 0,93 allo 0,98), le abitazioni locale con contratti concordati (da 0,57 a 0,62); le onlus (da 0,46 a 0,51). Salasso per le abitazioni sfitte (1,05) e per le banche (1,06).

Rispetto alle aliquote 2012 viene inserita una nuova categoria con aliquota agevolata: le aree e gli immobili inseriti nei pacchetti localizzativi (sono le aree dismesse di cui il comune vuole incentivare il recupero) per i quali è previsto lo 0,76% per 5 anni dalla data di insediamento della nuova attività produttiva.

Niente da fare, invece, come aveva richiesto il commissione Mauro Fanti (Pd) per le abitazioni date in uso gratuito a famigliari, anche di primo grado: non vengono equiparate all’abitazione principale e l’aliquota passa da 0,83 a 0,88%.

LE TABELLE

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti