Commenta

Apom in Comune: donati 50 libri dedicati alla città

apom

Questa mattina una delegazione dell’Apom ha donato al Comune 50 copie del libro dedicato a Cremona, realizzato in occasione del loro decennale. Il sindaco Oreste Perri ha ringraziato per il gradito dono, che sarà utilizzato per far conoscere la nostra città agli ospiti di Palazzo Comunale e a conservarne la memoria. “Nella giornata che precede Santa Lucia, una ricorrenza ancora molto sentita dalla nostra gente – ha detto il sindaco – portate un regalo splendido alla nostra città. Voglio ringraziarvi per questo e per l’importante lavoro che svolgete a favore della comunità, dimostrando il cuore generoso ed umano della città di Cremona”.

Quest’anno A.P.O.M., Associazione Onlus presieduta da Maria Grazia Binda Beschi,  nata nel 2003 dalla volontà di pazienti, ex pazienti, familiari ed amiche di donne affette da patologie mammarie con l’obiettivo di promuovere la prevenzione e fornire un aiuto concreto alle donne colpite da queste patologie, ha raggiunto i suoi primi dieci anni di vita. Per festeggiare degnamente questo importante traguardo e per sottolineare il suo forte legame con la città ed il territorio ha realizzato un libro fotografico su Cremona. Il progetto editoriale raffronta le meravigliose e significative fotografie che appartengono all’archivio della famiglia Monfardini, che le ha gentilmente messe a disposizione, con quelle scattate più recentemente da un gruppo di appassionati e validissimi fotografi: Tancredi Bruno di Clarafond (già Prefetto di Cremona), Antonio Barisani, Fabrizio Bragantini, Luigi Gibellini e Mino Piccolo.

I lettori sfogliando il libro trovano immagini suggestive di Cremona che ripercorrono tappe importanti della città del secolo passato, raffrontandole con quelle attuali, illustrandone le tante bellezze, monumentali e naturalistico-paesaggistiche. Il libro è diviso in capitoli che riguardano oltre la città, il fiume Po, la musica, lo sport, gli avvenimenti, la campagna e la natura; una sezione è dedicata ai servizi, con belle immagini tratte dall’archivio AEM. Ogni fotografia ha una didascalia, che consente ai lettori di apprezzare in modo più completo l’intero progetto ed all’inizio di ogni capitolo sono riportate delle poesie scritte per l’occasione da poeti cremonesi: Rosa Carotti, Marina Grazioli, Maria Grazia Nolli, Anna Paulinich, Massimiliano Pegorini, Lucia Zanotti ed Emilia Giordano, già Vice Prefetto di Cremona, con la collaborazione di Raffaella Barbierato e Pierantonio Bonetti, dell’associazione ADAFA;  didascalie e poesie sono tradotte in inglese, da Ruth Penford e Stuart Till, assicurando una fruizione internazionale del libro.

 

La realizzazione del libro si deve a Studio ERRE, società di comunicazione e grafica di Cremona, che ne ha curato il coordinamento editoriale ed il progetto grafico, avvalendosi dell’opera preziosa di altre importanti aziende artigiane cremonesi: Fantigrafica per la stampa e Legatoria Venturini per il confezionamento.

Il progetto dell’Apom si è potuto concretizzare grazie al sostegno di COIM, Euroresin, Rotary International Distretto 2050, Confartigianato Cremona e Gruppo Findonati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti