4 Commenti

Comune, ridotto del 40% il fondo-risultato per i dirigenti

comune-rsu-ev

Si è svolta oggi a Palazzo Comunale la trattativa sindacale riguardante l’area della dirigenza per quanto concerne il Fondo di risultato relativo all’anno 2013. L’assessore al Personale Maria Vittoria Ceraso aveva già da tempo sottoposto il tema all’attenzione della Giunta per dare un orientamento alla delegazione di parte pubblica incaricata della trattativa.

Dopo aver precisato che l’Amministrazione ha ormai scelto, dal 2012, di ridurre al minimo contrattuale le somme destinate ai Fondi della dirigenza, la delegazione di parte pubblica, composta dal Direttore Generale Massimo Placchi e dal Direttore del Personale Maurilio Segalini, ha informato i componenti la delegazione sindacale, rappresentata da Mario Vescovi e Lamberto Ghilardi per la DIREL e da Mario Penci per la UIL, che l’indennità di risultato per il 2013 è ridotta a 90.000,00 euro rispetto ai 150.000,00 del 2012. La riduzione, pari al 40% dell’importo, permette all’Amministrazione di proseguire nel percorso di contenimento della spesa pubblica e delle spese relative al personale, in particolare di quelle riferite alla dirigenza.

Rispetto alla costituzione del Fondo 2013 la delegazione sindacale ha preso atto di tale diminuzione in quanto la consistenza del Fondo, come previsto dal Contratto di lavoro nazionale, è di esclusiva competenza dell’Amministrazione.

Nel corso dell’attuale mandato amministrativo il Fondo di risultato per i dirigenti del Comune di Cremona è passato da 193.000,00 euro (anno 2008) a 90.000,00 euro di quest’anno, raggiungendo in tal modo la contrazione massima.

Nel corso dell’incontro sono stati poi sottoscritti i criteri di distribuzione del Fondo 2013. Confermati di fatto quelli in vigore già nell’anno 2012, completamente fondati sulla meritocratica, approvata dalla Giunta comunale sulla base di una specifica proposta formulata dall’Organismo Indipendente di Valutazione che prevede, al proprio interno, due esperti esterni di alto livello professionale ed universitario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Ernesto

    Basati sulla meritocrazia ???????

    • Marta

      Mem…mmmeritocrazia de che… ???

  • Giacomo

    A chi, tipo i dirigenti della P.A., hanno già un lauto e abbondante stipendio in busta paga l’indennità di risultato VA TOLTA e AZZERATA. L’Italia sta andando a fondo, appunto, per queste e altre regalie che il popolo non ha mai approvato ne digerito

  • bungatore

    ERA ORA……………….MA NON BASTA….!!

    DEVONO ESSERE PAGATI PER QUELLO CHE FANNO…..E BASTA…………..ED GIA’ TANTO……………!!!

    SE NON GLI VA BENE POSSONO ANDARE IN UNA AZIENDA PRIVATA….DOVE SI PRENDONO SOLDI SE SI GUADAGNA……………O NO….???

    con l’aria che tira e la gente che rimane al freddo perchè non ha soldi per le bollette….sarà bene fare molta attenzione….!!