Commenta

La Danza, dal Lago dei cigni a McGregor Ecco la rassegna

aterballetto

Rassegna La Danza 2014. Tre prime ed esclusive italiane che, per la loro rilevanza, cattureranno la curiosità di critica e pubblico. Non mancano i titoli classici, ma rinnovati nell’interpretazione, e grande rilievo ha la danza contemporanea. Accanto ai grandi nomi internazionali si darà spazio anche alle compagnie italiane con una nuova scoperta oltre a due capiscaldi della danza nazionale.

Biglietti: posto unico numerato: € 21,00
Informazioni negli orari di apertura della biglietteria (ore 10.30-13.30 e 16.30-19.30);
tel. 0372.022.001 /02; e-mail: info@teatroponchielli.it www.teatroponchielli.it

L’apertura della Rassegna La Danza 2014, proprio all’insegna del classico e in prima ed esclusiva italiana, è affidata al GartnerPlatz di Monaco con La bella addormentata di Ciajkovskij nella coloratissima e rinnovata versione di Karl Schreiner, coreografo e nonché direttore della compagnia.

Ancora un classico e ancora capolavoro di Ciajkovskij per la seconda esclusiva nazionale, un titolo che manca da tempo sul nostro palcoscenico: Il lago dei cigni portato in scena dalla compagnia tedesca Ballet Mainz in una realizzazione scenica di grande impatto.

A chiudere le esclusive italiane del Ponchielli sarà la norvegese Carte Blanche in una coreografia considerata dalla stampa internazionale fra i più bei lavoro della compagnia realizzati finora, Corps de Walk.

Definita la feel good company per l’energia positiva che sprigiona sul palco sarà da noi a febbraio il Ballets Jazz de Montreal. “Torniamo” in Italia con l’apprezzatissima Aterballetto, interprete di una frizzante e divertente coreografia di Johan Inger sulle musiche del grande Tom Waits, e con il Balletto Teatro di Torino in una serata all’insegna della Musica Divina in cui ritroveremo la Suite del Lago dei cigni coreografata, stavolta, dal “nostro” Matteo Levaggi, coreografo di punta del panorama nazionale.

Innovativa, poetica e soprattutto di grande talento: questa è la DaCruDance, giovane compagnia da poco “scoperta” e molto apprezzata sia dal pubblico che dalla critica nazionale, capitanata da due i danzatori e coreografi fra più rappresentativi della danza urbana italiana.

E una chiusura di tutto rispetto: torna al Ponchielli la punta di diamante della danza inglese, il pluripremiato Wyane McGregor e la sua compagnia RandomDance nella nuovissima creazione Atomos. Danza alla stato puro da gustarsi in 3D.

IL PROGRAMMA

domenica 9 febbraio ore 20.30

GARTNER PLATZ THEATER

LA BELLA ADDORMENTATA

coreografia Karl Schreiner

musica Pëtr Il’ic Ciajkovskij

prima ed esclusiva italiana

Dalla nascita della coreografia di Marius Petipa (1890) il balletto La bella addormentata di Ciajkovskij fa parte del repertorio “standard” internazionale delle compagnie di danza.

Karl Schreiner, da poco direttore della compagnia Gärtnerplatztheater di Monaco, mette in scena un’originale e personale versione contemporanea di quella storica coreografia: arricchisce la trama, aggiunge nuovi personaggi con il risultato finale di uno spettacolo fresco, colorato, esilarante e alla portata di tutti senza lesinare sulla bravura dei sui danzatori che, in tanti momenti, spinge ed una estrema fisicità.

Il Ponchielli ospita questa compagnia in prima ed esclusiva nazionale.

sabato 15 febbraio ore 20.30

LES BALLETS JAZZ DE MONTREAL

ZERO IN ON

coreografia Cayetano Soto

musica Philip Glass

NIGHT BOX

coreografia Wen Wei Wang

musiche Amute, Olaf Bender, The Steals & Grafiti, Giorgio Magnanensi, Max Richter, Paul Rogers, Victoria R. Senking

HARRY

coreografia Barak Marshall

musiche Tommy Dorsey, Taraf Ionel Budisteanu, Balkan Beat Box, The Andrews Sisters, Anatol Stefanet, Dejan Petrovic, Sidney Bechet, Warsaw Village Band, The Hungarian Quartet, Goran Bregovic, Maria Callas, Wayne Newton

Ciò che caratterizza i BJM è la spiccata personalità dei suoi interpreti. Di formazione eclettica , questi eccellenti artisti rappresentano per antonomasia l’anima dei BJM. La loro personalità e qualità interpretativa seduce sempre ed ovunque pubblico e critica.

A dispetto delle tensioni ed incertezze vissute nel mondo, la compagnia resta fedele ad un’estetica che esercita un’influenza positiva sull’animo umano.

Per questo ben le si addice la definizione di feel good company , aggettivo utilizzato dalla stampa di tutto il mondo

sabato 22 febbraio ore 20.30

DaCruDANCE COMPANY

KAZE MONONOKE

coreografia Marisa Ragazzo e Omid Ighani

musiche I Monster, Bon Iver, Boards Of Canada, Steve Reich, Burial, Apparat, Radiohead, Taniuchi Hideki, René Aubry, Unkle, Ólöf Arnalds

Il progetto DaCru nasce nel 1996 dall’unione artistica dei due danzatori e coreografi più rappresentativi del panorama della danza urbana italiana, Marisa Ragazzo e Omid Ighan.

5cm al secondo è la velocità con cui i petali di ciliegio cadono al suolo. È un racconto di vento e di petali, un racconto poetico e lieve che i danzatori scrivono sulla scena, uno spazio bianco ed essenziale dove, carezzati da una brezza costante, mutano se stessi rapidamente e continuamente, perché questo fa il vento, spinge qualsiasi cosa al movimento, anche i sentimenti e gli umori.

Il linguaggio tecnico dei danzatori contribuisce a creare una fantastica connessione di inganni visivi, viaggiando così come pochi possono e sanno fare dall’hip hop theatre, al contemporaneo, ai più estremi e innovativi codici di linguaggio artistico. I loro corpi, così come le loro menti, vivono quello che accade alle loro spalle, la proiezione di immagini, pensata come ad una voce muta che racconta, descrive e sottolinea la vita, ora di un petalo ora d’un sentimento.

sabato 1 marzo ore 20.30

BALLETTO TEATRO DI TORINO

MUSICA DIVINA

InMozart

coreografia Matteo Levaggi

musica Michael Nyman

Ciaikovskij Suites

coreografia Matteo Levaggi

musiche Pëtr Il’ic Ciajkovskij

Matteo Levaggi crea nel 2005 Drowning by Numbers per il Balletto dell’Arena di Verona, su musiche eseguite dal vivo di Michael Nyman. Riprende oggi il balletto riadattandolo agli straordinari danzatori del Balletto Teatro di Torino.

In InMozart la musica di Nyman fa riferimento a Mozart da cui scaturisce una originale combinazione di musica classica occidentale, rock’n’roll e minimalismo in cui la danza è ben ancorata al vocabolario classico, come del resto è qui la musica, ma attraversata da un grande sentire contemporaneo

Nella seconda parte, Ciaikovskij Suites, Levaggi si confronta con uno dei più celebri compositori del mondo della danza e non solo.

Sarà dunque partendo dalla profondità del vocabolario classico che la coreografia si muoverà con spirito contemporaneo, focalizzando l’attenzione sul legame fra la musica di Ciaikovskij e il movimento.

giovedi 6 marzo ore 20.30

BALLET MAINZ

IL LAGO DEI CIGNI

coreografia Pascal Touzeau

musica Pëtr Il’ic Ciajkovskij

prima ed esclusiva italiana

Ancora una prima ed esclusiva nazionale per la nostra rassegna: questa bellissima versione del Lago dei cigni con coreografie di Pascal Touzeau, si avvale di un grandioso allestimento. Odette, Odile e Sigfrido vivono una propria storia e sognano di un mondo dove appaiono creature simili ai cigni, simboli degli amori infelici. Un mondo dove sogno e realtà si confondono e dove Odette volerà per unirsi al suo amore.

Pascal Touzeau ha danzato con William Forthsyhte, che lo ha diretto al Ballet Frankfurt. Ha collaborato con tutti i grandi nomi della danza da Ohad Naharin, George Balanchine, Nacho Duato, Hans van Manen, Jiry Kylian, sviluppando coreografie in cui la parte avanguardista si unisce al lavoro classico.

martedi 25 marzo ore 20.30

CARTE BLANCHE

CORPS DE WALK

coreografia Sharon Eyal & Gai Behar

musiche DJ, Sound Design Ori Lichtik, David Byrne, Claude Debussy, Noize Creator, Aphex Twin, Tuxedomoon, Elemental Act vs. Our Scoring, Einstürzende Neubauten, Fumiya Tanaka, David Lynch, Lichtik, Ol’ Dirty Bastard, Coil

prima ed esclusiva italiana

La compagnia norvegese Carte Blanche, inseguita per anni dal nostro Teatro, finalmente arriva a Cremona in prima ed esclusiva italiana con uno spettacolo che è stato definito dalla stampa internazionale come “cinquantacinque minuti di pura bellezza per gli occhi”.

Il segno di Eyal è forte: gioca con l’erotismo, l’androgino e le sue coreografie sono, talvolta, delle grottesche emozioni. Al suo servizio una compagnia di danzatori straordinari.

giovedi 3 aprile ore 21.00

ATERBALLETTO

DON Q. – DON QUIXOTE DE LA MANCHA

coreografia Eugenio Scigliano

musica Luciano Berio

RAIN DOGS

coreografia Johan Inger

musica Tom Waits

Quando il sipario si apre un uomo piega le braccia verso l’alto mentre il suo corpo si estrania, arcuandosi in un andamento ripreso immediatamente dai ballerini dietro di lui.

Da queste battute iniziali di Workwithinwork, un flusso quasi incessante di movimenti prende vita propria, una corrente fluida e vorticosa che sembra plasmare a proprio piacimento le traiettorie sul palco, guidata dai ritmi incalzanti dei Duetti per due violini, vol. 1 (1979-83) di Luciano Berio.

In Rain Dogs la musica di Tom Waits richiama gli Stati Uniti di Charles Bukowski; c’è un odore, ci sono dei colori che la sua voce riesce a catturare e che ci portano, come ascoltatori, a fare molte associazioni.

Inizia a piovere; quel cane che, curioso e sicuro del suo olfatto si era mosso oltre i suoi soliti confini, alla scoperta di ciò che vive lontano, perde improvvisamente la strada del ritorno, la pioggia ha inesorabilmente cancellato tutte le tracce. È questa l’immagine da cui prende forma Rain Dogs, si materializza a rappresentare quelle complessità e quelle contraddizioni che caratterizzano il rapporto con il mondo e che segnano le relazioni con gli altri.

sabato 12 aprile ore 21.00

RANDOM DANCE_WAYNE McGREGOR

ATOMOS

coreografia Wayne McGregor

musica originale A Winged Victory for the Sullen

Li abbiamo ospitati nel 2011 con il bellissimo Far.

La compagnia di Wyne McGregor ritorna con la loro nuovissima creazione: Atomos – traduzione dal greco “indivisibile” – continua la radicale traiettoria creativa di McGregor intrapresa con i lavori precedenti e si concentra nell’interesse verso il tessuto che sta alla base di ogni forma vitale: la cellula.

Accompagna l’impeccabile Random Dance la musica originale neoclassica di A Winged Victory for the Sullen, collettivo composta dagli eclettici musicisti e compositori Dustin O’Halloran e Adam Wiltzie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti