2 Commenti

Nel 2013 il Comune ha speso 470mila euro per i varchi elettronici

varchi-ne-vale-la-pena

I varchi elettronici a controllo degli accessi in Ztl nel 2013 sono costati al Comune 470mila euro: questo l’importo della rata che l’amministrazione ha corrisposto quest’anno ad Aem relativamente alla posa e alla gestione delle tecnologie elettroniche a protezione degli accessi alle zone a traffico limitato e la relativa segnaletica. La spesa complessivamente effettuata per la realizzazione del sistema dei varchi andrà saldato in dieci anni.

I varchi elettronici sempre attivi, ossia in funzione 24 ore su 24, sono quelli di corso Mazzini (angolo via S. Barbara), corso Mazzini (angolo piazza Roma), largo Boccaccino (angolo corso XX Settembre), via Beltrami (angolo via Platina), via Sicardo (angolo via Platina).
Quelli che sono invece attivi a fasce orarie (con telecamere in funzione tutti i giorni dalle 19 alle 9, il mercoledì fino alle 15; sabato e festivi 24 ore su 24) sono: via Verdi (angolo piazza Stradivari), via C. Battisti (angolo via Manzoni), piazza Roma (angolo via S. Filippo).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • manco fossero d oro massiccio!!!!
    ecco dove vanno a finire i soldi pubblici!
    no comment!

  • Elisa Galletti

    Ma soprattutto chiediamoci a cosa servono questi cosiddetti “varchi”, dal momento che restano aperti nei momenti di maggiore affluenza di auto e vengono chiusi di sera, quando invece non ve ne sarebbe bisogno!