Commenta

La crisi colpisce l'infanzia: a Cremona in calo del 10% i negozi di giocattoli

giocattoli-evid

La crisi colpisce anche l’infanzia: a Cremona, infatti, i bambini giocano meno. Il dato emerge da una indagine della Camera di Commercio di Milano, secondo cui tra il 2012 e il 2013 la vendita di giocattoli è infatti calata del 10%.
Con 189 attività commerciali (37% del totale regionale ) e 100 imprese manifatturiere (41%) Milano è il capoluogo lombardo dei giocattoli. Seconda per numero di esercizi commerciali è Bergamo (14%), seguita da Varese (10,1%). Cremona si colloca al nono posto, con 3,5%. In calo del 10% nel nostro territorio le imprese attive nel commercio al dettaglio ed esercizi specializzati.


Anche le importazioni sono in calo: nella prima metà del 2013 sono arrivati in Lombardia giocattoli per oltre 145 milioni di euro (-1,6%) provenienti per il 37,8% dalla Cina. A Cremona in particolare l’importazione di giocattoli è calata del 40%, passando da un valore di 3.076.569 euro del 2012 a 1.824.366 euro del 2013. Sono invece aumentate le esportazioni, che sono passate da 26.205 euro nel 2012 a 59.935 euro nel 2013 (+128%).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti