Commenta

Monsignor Scampa domenica 5 celebra in Cattedrale

scampia-evid

Monsignor Carmelo Scampa, vescovo di São Luís de Montes Belos in Brasile ma originario di Scandolara Ripa d’Oglio, è in Italia per alcuni giorni di riposo. Il presule presenzierà una solenne Eucaristia in Cattedrale domenica 5 gennaio, alla Messa vespertina delle ore 18.15. Proprio in quel giorno monsignor Scampa ricorderà l’undicesimo annivesario dell’ordinazione episcopale. La liturgia, sarà accompagnata dal Coro della Cattedrale diretto da don Graziano Ghisolfi e accompagnato all’organo Mascioni dal maestro Fausto Caporali.

Sarà una celebrazione semplice e familiare: monsignor Ruggero Zucchelli, rettore-parroco della Cattedrale, all’inizio della liturgia porgerà il saluto anche a nome di monsignor Dante Lafranconi. Per il vescovo, invece, sarà l’occasione per raccontare il suo impegno nella sua vasta diocesi, appartenente allo stato del Goias, nel bel mezzo del Brasile. Una terra attraversata da molte emergenze: dalla diffusione di sette religiose, allo sfaldamento delle famiglie, dalla carenza di sacerdoti e all’uso crescente, soprattutto tra i giovani, di sostanze stupefacenti.

Ma il vero cruccio di dom Carmelo è la droga: nelle visite pastorali di questi anni – sono state due – è emersa in tutte le parrocchie una grande preoccupazione per il problema della tossicodipendenza. Allora è maturata l’idea di edificare una casa di recupero per offrire una nuova prospettiva di vita a chi dipende da queste sostanze. È stato acquistato un terreno non lontano dalla città  e grazie all’aiuto della Chiesa cremonese i lavori sono a buon punto. Mons. Lafranconi, durante la sua permanenza a São Luís, prima della Gmg di Rio de Janeiro, ha visitato  il cantiere della struttura che sarà affidata alla “Fazenda da Esperança” di Guaratinguetà (São Paulo), un gruppo fondato dal francescano tedesco Frei Hans, rinomato non solo in Brasile per serietà, competenza ed efficacia del cammino di reinserimento sociale dei tossicodipendenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti