2 Commenti

Comune, gruppo FI al debutto, Grignani: "Era meglio restare uniti"

pdl comune

Presentazione con incognite per il gruppo di Forza Italia in consiglio comunale, annunciata per sabato prossimo, 11 gennaio, a SpazioComune. Ne faranno parte con certezza Giorgio Everet, che sta diramando gli inviti, e Carlo Alberto Ghidotti, quest’ultimo berlusconiano della prima ora, oltre a Domenico Maschi, giunto nel Pdl da An, ma che ha deciso di aderire alla nuova Forza Italia insieme al vicesindaco Nolli. Tre è il numero minimo indispensabile per la costituzione di un gruppo consigliare in corso di mandato, come prescrive il regolamento. Tre sono anche i consiglieri Pdl ancora incerti sul da farsi (Roberto Panvini, Marcello Ventura e il capogruppo Luca Grignani, tutti ex An difficilmente inquadrabili come berlusconiani. E che difatti per ora restano alla finestra, “siamo fermi, il che significa essere coerenti”, come spiega quest’ultimo. “Pur comprendendo – continua –  le ragioni che hanno spinto gli altri a costituire i gruppi di Nuovo centrodestra e Forza Italia, restano molti dubbi operativi su come l’operazione possa essere formalizzata. Mi chiedo quale simbolo abbiano intenzione di utilizzare in Forza Italia e come  verranno ridistribuiti i consiglieri nelle varie commissioni. Qualcuno ci ha pensato?”. La stessa presentazione pubblica di Forza Italia lascia perplesso Grignani: “Non ne sapevo nulla, Everet non me ne aveva neppure parlato. Da parte mia ho già contattato sia Panvini che Ventura, ci incontreremo al più presto, non escludo prese di posizione personali, tutte le opzioni sono aperte. Da parte mia non capisco questo costituire nuovi gruppi quando siamo in scadenza di mandato e apparteniamo alla stessa maggioranza, preferisco ragionare con calma. Il problema non è andare con questo o con quello, ma fare una scelta sulla base dei contenuti e al momento, in un clima di grande confusione nazionale, non vedo delle differenze che mi facciano schierare per una parte o per l’altra. Per questo stare fermi non è indecisione, ma coerenza rispetto alle scelte fatte cinque anni fa, che ci hanno visti uniti”.

Diversamente la pensa Carlo Alberto Ghidotti, consigliere comunale e presidente del Consiglio provinciale: “Per rispetto dell’elettorato è opportuno effettuare una scelta. Il Pdl non esiste più, è stato svuotato, lo stesso logo è stato ritirato e mi chiedo con quale diritto possa continuare a venire utilizzato”. In Provincia, dove la vita del gruppo consigliare Pdl è sempre stata molto più turbolenta che non in Comune, il gruppo Forza Italia si era costituito appena prima di Natale. ne fanno parte Luca Rossi, Gabriele Gallina, Anotnio Agazzi, lo stesso Ghidotti.

Giuliana Biagi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Non prendere una decisione di per se è già’ una decisione,tuttavia per coerenza e rispetto per le persone che vi hanno votato,una scelta andrebbe fatta.rimanere alla finestra non può essere un modo di fare politica altrimenti si rischia di non essere considerati all’altezza del ruolo che si ha ,oppure essere giudicati come quelli della politica dei due “fornì” che onestamente nessuno auspica!

  • gianna

    Arroganti e impreparati