Commenta

Crisi, sempre più le richieste di aiuto Fondo famiglie: 800 interventi (+64%) I numeri dei progetti gestiti dalla Caritas nel 2013

crisi

Le gravi conseguenze della crisi sul territorio sono rispecchiate nei più recenti dati del Fondo per le famiglie in difficoltà, voluto dal vescovo Dante Lafranconi nel 2009 e gestito dalla Caritas cremonese: nel corso del 2013 sono stati erogati 185.550 euro a favore di 800 interventi, metà dei quali riguardano persone italiane. Si tratta di contributi che singolarmente si aggirano mediamente sui 250-300 euro, necessari per sostenere ad esempio i pagamenti di utenze, affitti, medicine, spese scolastiche dei ragazzi. In aumento il numero delle richieste di aiuto: nel 2012, infatti, il Fondo famiglie aveva erogato 119mila euro a favore di 488 interventi, più di 300 in meno rispetto al 2013.

I numeri sono stati pubblicati da diocesidicremona.it, che ha reso noto anche i risultati del progetto Sostegno a vicinanza, inaugurato nel 2012 sul modello delle adozioni a distanza e capace, nel 2013, di distribuire 26.206 euro a 40 nuclei familiari (il 30% di origine straniera). In questo caso gli aiuti, presi singolarmente, sono più consistenti in quanto si parla di maggiori e più impellenti necessità: sessanta le famiglie o i gruppi parrocchiali che versano periodicamente un contributo per sostenere chi sta peggio.

“È da sfatare il mito che siano solo gli immigrati a chiedere un aiuto”, sottolinea tra le altre cose l’operatore Marco Tassini al sito della Diocesi. “Purtroppo – aggiunge – sempre più famiglie ‘normali’ non riescono a far fronte alle spese ordinarie. Si tratta di persone che hanno perso il lavoro o sono in cassa integrazione e che mai avrebbero pensato di dover allungare la mano”.

Tutti gli aiuti – viene evidenziato su diocesidicremona.it dalle parole di Tassini e dell’operatrice del Centro di ascolto Fabiana Bacchi – sono rendicontati e concessi dopo colloqui e verifiche. Importante – prosegue il sito della Diocesi – la recente notizia di un contributo di 35mila euro che arriverà dalla Caritas italiana, attraverso i fondi dell’8xMille Cei, al Fondo famiglie. “Boccata di ossigeno, ma resta una goccia nel mare sempre più vasto delle richieste – afferma don Antonio Pezzetti, direttore della Caritas cremonese -. Per questo facciamo appello alla generosità di tutti”.

Michele Ferro
redazione@cremonaoggi.it


Come aiutare con offerte

Per maggiori informazioni e donazioni contattare gli uffici della Caritas diocesana di via Stenico 2/B, Cremona (tel.: 0372-35063; e-mail: caritas@diocesidicremona.it). Le offerte possono essere versate agli uffici Caritas oppure su:

• conto corrente postale n° 68411503;

• conto corrente bancario presso Banca di Piacenza di via Dante 126, Cremona – Iban: IT57H0515611400CC0540005161

intestati a “Fondazione S. Facio onlus”. Causale “Fondo Famiglie colpite dalla crisi” o “Sostegno a vicinanza”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti