Un commento

Autosilo Marconi media di 130 auto su 250 posti In crescita il Massarotti

parking evid

Cresce l’utilizzo dell’autosilo Massarotti, al centro delle polemiche degli avvocati e dei commessi del Tribunale, che faticano ad utilizzarlo come archivio faldoni. Nel 2012, primo anno di gestione Aem, il tasso di utilizzo è stato del 36% mentre ad oggi (secondo semestre 2013)  è salito al 60%. L’autosilo garantisce entrate annuali di 146mila euro, di cui solo 68mila  come corrispettivo per la sosta. 105 gli abbonamenti, per un gettito pari a 44mila euro. Sono 226 gli stalli rimasti disponibili per la sosta a seguito dell’affitto al Comune dei tre piani interrati (3000 metri quadrati) per le necessità del Tribunale. Il contratto di affitto, che prevede un canone di 55mila euro l’anno, durerà fino a dicembre 2019. Questi i dati forniti dall’assessore alla Mobilità Francesco Zanibelli alle consigliere Pd Alessia Manfredini e Caterina Ruggeri in un’interrogazione.

Il parcheggio del Quartier Novo – si legge ancora – in via Santa Maria in Betlem è utilizzato soltanto per il 14% della sua potenzialità: il Comune non conosce il tasso di utilizzo notturno perché essendo gratuito non sono contabilizzati gli accessi. Per il Pd, “un dato che si commenta da solo”.

Le risposte relative al parcheggio di piazza Marconi sono le meno precise: i dati vengono infatti forniti al Comune dal gestore privato, Saba, che si limita a dare i dati assoluti, soltanto per il mese di novembre e non il tasso di utilizzo. A novembre, riferisce il gestore, la media giornaliera delle auto entrate è stata di 130 auto, una cifra che comprende presumibilmente sia i posti interrati che quelli in superficie. La media notturna è di 50 auto. Soltanto 25 gli abbonamenti stipulati. In prevalenza, nel parcheggio più centrale della città, le auto si fermato in prevalenza per 3 ore.

Risposte che lasciano molti dubbi aperti. “I numeri relativi ai parcheggi – commenta Manfredini – e il recente provvedimento sulla pedonalizzazione dimostrano per l’ennesima volta che dietro ad ogni singolo provvedimento non c’è nessuna logica complessiva. I dati circa l’utilizzo del Marconi dimostrano che viene utilizzato prevalentemente per soste brevi, sotto le 3 ore, nel 75% dei casi, e i giorni in cui  serve maggiormente sono quelli del mercato. A distanza di quasi tre anni dall’apertura il tasso di utilizzo è ancora lontano dal 100%.

“E’ evidente che scelta di mantenere le attuali fasce orarie della ztl e la possibilità di parcheggiare nelle vie del centro storico, e la recente stangata sulle tariffe, senza agevolazioni per gli utenti,  limitano il suo utilizzo. Così come il parcheggio Massarotti, ancora una volta non si capisce perchè un parcheggio acquistato con risorse pubbliche venga destinato per una parte ad un deposito e archivio di faldoni, con tutti i problemi che comporta assenza di luce e di riscaldamento. Infine, per quanto riguarda il parcheggio Quartier Novo, con un utilizzo così basso, ritorniamo a chiedere che diventi  gratuito”.

Di chiaro “sapore elettorale”, afferma Manfredini, anche la pedonalizzazione di alcune vie centrali decisa mercoledì dalla Giunta: “Annunciata a più riprese, è un’operazione che ha un chiaro sapore elettorale, visto che riguarda piccoli interventi a spot e scollegati tra loro; poi ricordo che via Beltrami, era già stata area pedonale, ma a seguito di un’obiezione del Ministero in merito al posizione della telecamera era stata ripristinata a ztl.

“Sulle politiche legate alla mobilità – conclude Manfredini – ci vogliono delle scelte coraggiose e di buon senso, cose non viste con questa giunta”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • luigi

    … prima togliete le auto del tribunale e dell’autonoleggio herzt che utilizza l’autosilo … poi vediamo quali solo i numeri reali …