2 Commenti

Ambientalisti delusi da linee guida rifiuti 'Politica asservita a interesse di pochi'

rifiuti2

Manca un mese alla scadenza del termine per la presentazione delle osservazioni alla bozza del piano provinciale rifiuti, prima che il Consiglio provinciale lo adotti definitivamente facendolo diventare il documento – guida per il prossimo decennio. E tornano a prendere posizione sull’argomento gli amministratori locali del progetto “Amali, rifiuti=risorse”, che scrivono una lettera aperta ai cittadini cremonesi. La lettera è firmata da Maria Grazia Bonfante, Ferruccio Rizzi, Guido Ongaro, Riccado Ulivi. “Desideriamo rivolgerci  – si legge – ai cittadini della città di Cremona e a tutti quelli domiciliati nella provincia per ribadire che senza una data certa e immediata di spegnimento dell’inceneritore, la tassa dei rifiuti continuerà ad aumentare così come pure l’inquinamento. A quasi due anni di distanza dalla nostra prima richiesta ai Sindaci di tutta la provincia se i cittadini sapessero che la cosiddetta gestione integrata del ciclo rifiuti era un fallimento, perché con l’incenerimento nè si riducevano la quantità dei rifiuti né la tassa rifiuti, né si creava nuova occupazione, né si tutelava la salute, leggiamo che la giunta del Comune di Cremona ha deliberato in questi giorni un nulla di fatto. Infatti è mancata una data certa e immediata di spegnimento dell’inceneritore, come pure mancante lo stanziamento in bilancio del costo di decomissioning dell’impianto e relativa bonifica, oltre alla richiesta ad AEM di rinuncia al ricorso al Consiglio di Stato contro la sentenza del TAR di Brescia dell’anno scorso che aveva azzerato il procedimento autorizzativo dell’ampliamento della discarica di Malagnino a Vescovato.

“Dare la committenza ad AEM, perché sviluppi uno studio di fattibilità per un progetto alternativo all’inceneritore è scorretto per chiaro conflitto di interessi, dal momento che LGH è proprietaria dell’impianto ed è concreto il rischio che i problemi logistico-organizzativi ed economici, nonché la bassa propensione  a considerare i rifiuti come risorse, ricadano totalmente sui cittadini. Un’occasione mancata per il capoluogo in cui avrebbe potuto assumere la leadership di capo fila di tutti i comuni della provincia e indire una manifestazione di interesse aperta, di promuovere un’unica società pubblica fra i quattro gestori attuali in applicazione degli esiti referendari.

“Il passaggio alla tariffazione puntuale non può avere nessun costo ulteriore per i cittadini in quanto il ciclo dei rifiuti così impostato è meno oneroso dell’attuale che non lo prevede. Una delibera così approvata non può incidere in nessun modo nell’intento di sanare le debolezze di un Piano Provinciale dei Rifiuti che purtroppo  appare già vecchio prima di essere approvato. Purtroppo continuiamo senza ragione ad assistere ad una politica asservita all’interesse di pochi a discapito del bene comune”.

Il documento approvato dalla maggioranza Perri è in effetti molto diverso da quello uscito dal Tavolo voluto dall’assessore Bordi in dicembre, al quale avevano contribuito quasi esclusivamente la minoranza Pd e Idv, il Movimento 5 Stelle, i sindaci dei comuni serviti da Aem per i rifiuti e soprattutto le associazioni ambientaliste. Una trentina quelle rappresentate da Maria Grazia Bonfante. Soltanto nell’ultima seduta, il 10 gennaio, avevano fatto la loro comparsa alcuni esponenti di maggioranza (Luca Grignani, Chiara Beccari, Marcello Ventura e Domenico Maschi) e si erano espressi polemicamente. La successiva riunione di maggioranza aveva confermato la bocciatura degli elementi  salienti usciti dal tavolo, a cominciare dalle scadenze temporali sul superamento dell’inceneritore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Filippo Bonali

    Dispiace che SEL venga sempre dimenticata, presente a entrambe le riunioni del Tavolo voluto dall’assessore Bordi, con un mio intervento alla prima riunione sull’aspetto della riduzione dei rifiuti alla fonte, prima di entrare nel ciclo di smaltimento, che è stata recepita in alcuni indirizzi della bozza uscita da quel tavolo. Abbiamo organizzato a dicembre una serata con la proiezione del film “meno 100kg” sempre sullo stesso tema, ma con tematiche ben più praticabili e attuabili del catastrofico Trashed. Da sempre siamo impegnati senza bandiere e sempre gratuitamente nel nostro tempo libero nella diffusione della “cultura della riduzione dei rifiuti” a volte anche nelle scuole. Ribadiremo prossimamente con forza che quelle linee guida non incidono abbastanza sull’aspetto della riduzione dei rifiuti alla fonte, soprattutto a livello di interventi necessari per un cambio culturale della città. Siamo sempre un paese che si preoccupa di rimediare invece che prevenire, cioè di come smaltire i rifiuti invece che ridurne la produzione. Sarebbe ora di provare a cambiare questa tendenza, ma ci vuole lungimiranza politica….o forse compattezza politica di una amministrazione.

  • ilDaniele72

    A questi del progetto Amali, visto la loro profonda competenza sull’argomento alcune semplici domande, che come scritto in fondo non sono tenuti a rispondere.
    Secondo il detto chiedere è lecito, rispondere è cortesia …

    1 in quale documento Europeo è scritto che i termovalorizzatori devono chiudere?
    2 come si pensa di gestire le 46896 tonnellate di rifiuto urbano (escludendo il rifiuto speciale e il ROT) non riclabile previste nel 2020?
    3 come si pensa di rimpiazzare l’apporto che il Termovalorizzatore fornisce al Teleriscaldamento?
    4 che alternativa documentata e non sperimentale si propone al Termovalorizzatore?
    5 questa alternativa riesce a gestire la stessa quantità di rifiuto, assicurando la stessa affidabilità e sostenibilità economica?
    6 questa alternativa rispetta il criterio di prossimità?
    7 è vero che l’obbiettivo del piano di gestione dei rifiuti provinciale punta al 90% di recupero energia e materia?
    8 chi finanzia le alternative al Termovalorizzatore (gestione del teleriscaldamento e del rifiuto)?
    9 è vero che nel trattamento meccanico biologico solo il 2,7% viene recuperato (recupero di materia) mentre il 59% finisce in discarica e il 21,9 in un Termovalorizzatore?
    10 è vero che l’Europa punta a discarica 0?

    Possibilmente per evitare sterili polemiche nelle risposte inserite il link al documento utile per capire la risposta.
    Grazie
    Lo so che non risponderà nessuno perchè io sono nessuno. Ma che almeno qualcuno si ponga delle domande.