Commenta

Nuova sede per l''Azienda sociale del Cremonese

centro-pastorale

Inaugurata sabato mattina la nuove sede operativa dell’Azione Sociale del Cremonese, che da corso Vittorio Emanuele ha traslocato presso il Centro Pastorale diocesano, al secondo piano, dove fino a qualche tempo fa si trovavano le Acli. L’Azienda ha occupato ben 516 metri quadri, uno spazio notevole che sarà soprattutto utilizzato dalla nuova agenzia per il lavoro accreditata da Regione Lombardia. Alla cerimonia erano presenti il presidente dell’ente Luigi Amore, il direttore generale Ettore Vittorio Uccellini, il capo di gabinetto della Prefettura Bortone, il questore Rossetto, il rappresentante dell’Asl Sociale Gillini e poi delegati dei sindacati, delle Cooperative, delle associazioni del terzo settore. In prima fila anche alcuni sindaci del territorio, il presidente delle Acli Tagliati, il direttore della Caritas cremonese don Pezzetti e il responsabile del Centro Pastorale don Maglia.
Numeri importanti, quelli dell’azienda: serve 47 comuni e possiede un bilancio tra i 5.500.000 e i 6.000.000 milioni di euro con un fondo sociale di 647.000 euro.
«È stato appena approvato il decreto salva-Roma – ha detto l’assessore Amore – con il quale vengono stanziati 543 milioni di euro. Ne basterebbero 100 milioni per compiere dei significati interventi sociali in 100 città italiane. Alla nostra Azienda sarebbe sufficiente un milione di euro e ne avanzerebbe: i soldi, invece, sono sempre troppo pochi e i progetti e i desideri tanti».

Il  Consiglio di Amministrazione proprio nei giorni scorsi ha approvato due nuovi progetti: «Anzitutto sono stati stanziati 100.000  euro per lavori di pubblica utilità rivolti a individui fragili: 70 persone del nostro distretto potranno godere di questa possibilità. Inoltre sono stati erogati 50.000 euro per percorsi di dematerializzazione – la conversione di un qualunque documento cartaceo in un formato digitale – per detenuti. Questa è un’opportunità, fortemente voluta dal giudice Beluzzi, che può dare nuova speranza a chi ha sbagliato nella vita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti