Commenta

Pendolari a Galimberti: "Scarsa manutenzione, al materiale rotabile"

galimb-pendol

Pendolari e ferrovieri a confronto sulle problematiche ferroviarie della città. Si è svolto venerdì pomeriggio l’incontro di Gianluca Galimberti, candidato sindaco della coalizione di centrosinistra, con un gruppo di lavoratori su proposte programmatiche. In serata appuntamento con i pendolari, a cui alcuni ferrovieri hanno voluto partecipare.
“Il tema dei treni in questo territorio non riguarda solo la mobilità – ha esordito Gianluca Galimberti di fronte a pendolari e lavoratori -, ma è una questione che riguarda quale futuro si pensa per questa città, quale rilancio. Quello che sta succedendo questa sera, l’incontro tra pendolari e ferrovieri, è anche un metodo di lavoro. Ascolto-azione, confronto per arrivare a fare delle scelte. Un metodo che dovrebbe avvenire in diversi ambiti. La città, infatti, ha bisogno di riconnettersi. Cremona ha davanti delle sfde e non ha più tempo da perdere. Se continuiamo a rimanere fermi, Cremona rimarrà ai margini della Lombardia e del paese”.
Numerosi gli interventi dei pendolari in sala. Perdita del pendolino, aumento delle fermate, tempi di viaggio dilatati, alcuni dei punti emersi. “Chiediamo un treno veloce alla mattina e uno alla sera – ha detto un pendolare della Mantova-Cremona-Milano – I pendolari non sono rappresentati nei tavoli regionali, manca totalmente la comunicazione ai viaggiatori. Ci sentiamo presi in giro”. “Il colmo è che la situazione negli anni è andata peggiorando”, è intervenuta una signora della linea per Brescia. “Cremona – ha aggiunto un altro viaggiatore del Cremona-Milano – soffre del problema del binario unico, della scarsa manutenzione, della mancanza di pianifcazione, di materiale rotabile indecoroso”. “A Cremona c’è un problema infrastrutturale e di gestione della circolazione dei treni – ha detto un macchinista – Se non ci sono investimenti per raddoppiare il binario unico, l’unico modo è razionalizzare l’esistente”.
“La consapevolezza che l’amministrazione ha un margine di manovra limitato c’è tutta – ha concluso Galimberti – Ma bisogna capire quali possono essere le proposte. E dove il Comune non può operare, deve essere portatore di istanze. C’è un ruolo politico che va giocato a livelli diversi, in Regione e a Roma. La questione fondamentale è il rilancio della città. Perché se le istanze vengono portate da una città che non muove un dito, non sono considerate. Voi rappresentate una ricchezza per la città, ma la città deve rispondere, muovendosi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti