Commenta

Il 18 e 19 marzo in scena al Ponchielli 'La tempesta' di William Shakespeare

ponchielli-tempesta

La Tempesta di W. Shakespeare, uno dei testi più misteriosi e affascinanti del teatro mondiale, andrà in scena al Teatro Ponchielli martedi 18 e mercoledi 19 marzo (ore 20.30). La regia è affidata a Valerio Binasco, che sarà anche Prospero, pluripremiato sia come regista che come attore in più momenti di una carriera che spazia dal cinema al teatro.
Curiosità relative allo spettacolo potranno essere scoperte grazie all’incontro, che si terrà presso Chocabeck (Piazza Stradivari) mercoledi 19 marzo alle ore  18,  dove gli attori della Compagnia verranno intervistati dal critico teatrale del quotidiano “Libertà di Piacenza” Enrico Marcotti.
In seguito al successo di Romeo e Giulietta (produzione Teatro Eliseo 2011, con Riccardo Scamarcio e Deniz Ozdogan), la Shakespeare Popular Kompany mette in scena la Tempesta.
La compagnia ha come obiettivo quello di mettere in scena ogni anno un classico, con la motivazione di continuare ad offrire al pubblico grandi testi, in un momento in cui la crisi sta direzionando il teatro sempre di più verso la messa in scena di spettacoli di piccole dimensioni.
La Tempesta ha nel ruolo del protagonista, Prospero, lo stesso Valerio Binasco, pluripremiato sia come regista che come attore in più momenti di una carriera che spazia dal cinema agli spettacoli con Carlo Cecchi.
“La Tempesta è uno dei testi più misteriosi e affascinanti del teatro mondiale. Gran parte del suo fascino dipende proprio dal suo mistero…”, commenta lo stesso Binasco nelle note di regia: “Cercare il bandolo della matassa è inutile; è molto meglio puntare dritti al cuore della matassa, e perdersi. Qual è il cuore de La Tempesta? Per me è un dramma (malinconicamente) giocoso sulla fine della civiltà, sulla fine della vita e sulla fine delle cose in generale”. Binasco è in scena accompagnato da tanti compagni dell’avventura: Fabrizio Contri, Andrea Di Casa, Simone Luglio, Gianmaria Martini, Deniz Ozdogan, Fulvio Pepe, Sergio Romano, Roberto Turchetta, con l’aiuto dei collaboratori di sempre: Arturo Annecchino, Sandra Cardini, Carlo de Marino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti