Commenta

Tre studentesse del Manin in finale al concorso Young Business Talents

manin-evid

Da sinistra: Alessia Grazioli, Elda Kolici e Veronica Vitali

Tre ragazze del Manin sono state scelte per partecipare alla finale di uno dei più importanti business game europei, il Young Business Talents. La squadra cremonese, denominata ‘Ladybugs’, è composta da tre diciottenni, Alessia Grazioli (liceo classico) di Ostiano, Elda Kolici (liceo linguistico) di Pieve D’Olmi e Veronica Vitali (liceo linguistico) di Cremona, che si sono aggiudicate la possibilità di sfidare i 74 finalisti provenienti da tutta Italia il 22 marzo a Milano. Il primo talent italiano per aspiranti imprenditori promosso da Praxis MMT e organizzato da Nivea, è iniziato nel novembre 2013 con 1750 partecipanti provenienti dalle scuole superiori di tutta la penisola. Le 500 squadre di giovani, composte da 3 o 4 membri, si sono sfidate attraverso l’utilizzo di un simulatore di business molto avanzato, studiato e realizzato dalla società spagnola Praxis MMT.

In questi mesi, attraverso un simulatore, i partecipanti si sono esercitati a prendere decisioni di ogni tipo all’interno di un’azienda perfettamente riprodotta in maniera virtuale, ponendosi in concorrenza con altre aziende. A colpire, di queste tre ragazze, è che abbiano deciso di mettersi in gioco su materie economiche nonostante un curriculum di studi decisamente classico, come ha sottolineato anche il vice preside della scuola, Cesare Marelli.

“E’ vero, la nostra scuola non insegna materie economiche, ma tutte e tre abbiamo la passione per il management – spiega Elda Kolici, capogruppo della squadra -. Abbiamo quindi deciso di metterci in gioco, sfruttando competenze acquisite anche esternamente alla scuola”.
“Il nostro approccio al progetto nasce da un interesse rispetto all’economia e imprenditoria – conferma Veronica Vitali -. Per quanto mi riguarda, mi ha aiutato molto un’esperienza di studio fatta l’anno scorso negli Stati Uniti, in Kansas, dove ho seguito anche dei corsi di economia e business”.
“Siamo orgogliose di questo risultato e del fatto che riceveremo un diploma per aver partecipato a questa competizione ed essere arrivate in finale – aggiunge Alessia Grazioli -. Ma la cosa più importante che ci ha insegnato questa esperienza è stata la capacità di lavorare in team: in questi mesi si è molto rafforzata la coesione tra di noi, anche dal punto di vista dell’amicizia”.

La competizione conclusiva a valenza nazionale e avrà luogo sabato 22 Marzo presso lo spazio funzionale Pelota Jailalai, situato in via Palermo 10 a Milano, dunque nella zona centrale della città. La giornata inizierà alle ore 11 con la registrazione di tutti i partecipanti e con l’accoglienza. Alla 12.20 inizierà la prima fase di sfide che proseguirà fino al primo pomeriggio, intervallato dalla pausa pranzo, un momento di convivialità che permetterà ai ragazzi di ricaricarsi per poi ripartire. Verso le 16 si procederà con la consegna dei diplomi agli studenti e ai professori, il diploma indica la partecipazione all’evento ma rappresenta anche un titolo di valore, dimostra che si è fatto uno sforzo di apprendimento pratico e sarà quindi utile per il futuro lavorativo. L’avventura si concluderà alle 18. In palio c’è un montepremi che ammonta a 16.800 euro, e le 15 squadre che si saranno meglio classificate nelle simulazioni della finale riceveranno, ognuna, 500 euro. Inoltre, sono presenti dei premi speciali per le 5 migliori finaliste che raggiungano il massimo profitto accumulato per le proprie imprese (1000 euro per la prima, 900 euro per la seconda e via via a scalare fino alla quinta che si aggiudicherà 600 euro). Gli insegnanti e gli istituti scolastici riceveranno a loro volta dei riconoscimenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti