Commenta

Commercio, da inizio 2013 in città hanno chiuso oltre 100 negozi

commercio-evid

Sono 96 i negozi chiusi a Cremona città nel 2013, a fronte di 88 nuove aperture,con un saldo negativo di -8. Nei primi mesi del 2014 si parla invece di 8 chiusure a fronte di 12 aperture: un saldo inizialmente positivo che però non permette ancora di cantar vittoria, a fronte di una continua emorragia di negozi. La crisi del commercio a Cremona è approdata in commissione vigilanza del Comune, per discutere di numeri e della gravissima situazione che il settore sta vivendo, non solo nel nostro territorio ma in tutta Italia: si parla di 15 negozi che vengono chiusi ogni giorno e in Italia la morìa del commercio ha causato la perdita di 120mila posti di lavoro. Secondo i più recenti dati, se la situazione continua così entro dieci anni non esisterà più il commercio di vicinato. Tuttavia il problema di Cremona non può essere sottovalutato, secondo l’opposizione: “Sono mancati 5 anni di programmazione – ha detto il consigliere Pd Roberto Poli -. Non si è stati capaci di fare sistema e di creare le condizioni per un rilancio del settore”.
“La crisi è gravissima ovunque, tutte le città stanno vivendo questo dramma – ha sottolineato il consigliere comunale con delega al commercio, Domenico Maschi -. Stiamo ora cercando di monitorare la situazione per avere una fotografia della situazione, per poi cercar di capire cosa offre il nostro centro e cosa manca. Purtroppo i problemi sono numerosi. Tra questi le liberalizzazioni del settore: ora che la licenza non è più un bene spendibile, molti preferiscono chiudere, in quanto vendere l’attività non frutta più molto”.
Il professor Fabio Antoldi dell’Università Cattolica ha individuato tra le cause di questa crisi l’incremento dell’età media e di pari passo il calo demografico degli ultimi dieci anni, pari a -25.000 persone.
“La nostra idea è di trasformare il centro in una sorta di centro commerciale naturale – ha detto Maschi -, anche se non è un percorso facile. Il problema è che la coperta è sempre più corta e anche le risorse degli enti si stanno spostando su Expo. Bisogna mettere in campo iniziative che coinvolgano tutti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti