Commenta

Primo faccia a faccia tra aspiranti sindaci: lo organizzano le parrocchie

chiesa-evid

I candidati sindaci per Cremona a confronto in un incontro pubblico promosso dalle parrocchie della città. L’appuntamento di questo evento sicuramente inedito è per la sera di giovedì 10 marzo alle 21 presso il salone Bonomelli del Centro pastorale diocesano di Cremona, in via S. Antonio del Fuoco 9A. Sotto esame alcuni argomenti di stretta attualità sui quali i candidati saranno chiamati a offrire prospettive e idee. Punto di partenza sarà la riflessione pastorale “Il contributo dei cattolici al governo delle comunità locali e per l’integrazione europea” recentemente diffusa dalla Commissione diocesana per la pastorale sociale e del lavoro proprio in vista delle consultazioni elettorali di domenica 25 maggio.

«L’idea di questa iniziativa – spiega don Gianpaolo Maccagni, vicario zonale della città di Cremona – nasce all’interno del Consiglio pastorale zonale. Non si è voluta questa serata come spazio di presentazione da parte dei canditati, ma come momento in cui le comunità cristiane possono porre domande specifiche su valori per loro irrinunciabili. L’ipotesi di questo incontro è stato poi condiviso con i sacerdoti della città. La realizzazione si è concretizzata in sinergia con la commissione diocesana per la pastorale sociale e del lavoro».

La serata, che inizierà con la preghiera del “Padre nostro”, si aprirà con una breve presentazione del documento da parte di Sante Mussetola, responsabile dell’ufficio diocesano per la pastorale sociale. Poi la parola passerà ai candidati che avranno cinque minuti ciascuno per rispondere a una prima domanda che sarà proposta da un rappresentante delle parrocchie della città. La parola ai candidati sindaci sarà lasciata in ordine alfabetico per cognome: a iniziare da Laura Carlino (Città Nova) e proseguendo con Giuseppe Foderaro (UDC e Popolari per l’Italia), Gianluca Galimberti (Fare Nuova la Città, Pd e Sinistra per Cremona-Energia civile), Maria Lucia Lanfredi (Movimento 5 stelle), il sindaco Oreste Perri (lista civica Perri con Forza Italia e Ncd), Fulvio Rozzi (in sostituzione di Carmine Scotti per il Movimento per Cremona), Pietro Signorini (Terzo polo per Cremona) e Alessandro Zagni (Cremona Cambia Volto e Lega). L’incontro sarà esteso anche a quanti hanno ufficializzato o ufficializzeranno le candidature in questi giorni.

Seguirà quindi un secondo ciclo di interventi con ordine invertito. «Le domande che saranno poste ai candidati – precisa  Mussetola – sono il frutto di un lavoro condiviso svolto tra il Consiglio pastorale zonale e la Commissione di pastorale sociale. Abbiamo scelto di lasciare solamente due spazi di cinque minuti ciascuno per motivi di tempo legati al numero dei candidati. Ogni intervento punterà l’attenzione su diversi aspetti legati alla vita della città: se inizialmente ci focalizzeremo in particolare sugli ambiti culturali e di infrastrutture e trasporti, poi si spazierà dai temi della sussidiarietà a quelli relativi a famiglia, integrazione e ambiente». A moderare la serata sarà Riccardo Mancabelli, giornalista professionista impegnato nei media diocesani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti