Commenta

"Ghe suntum mia": spunta la pagina Fb che prende in giro i candidati

ghe-suntum-mia-evid

“Ghe suntum mia”, “non ci siamo”: una tipica esclamazione in dialetto cremonese per definire qualcosa che non va bene. Ma è anche il titolo di una pagina Facebook nata da meno di un mese e realizzata da un autore ignoto per ironizzare sui candidati sindaco, prendendoli in giro sulle scelte e sui programmi. Un uomo che si mette le mani nei capelli è l’immagine di copertina della pagina, che conta già oltre 700 “mi piace”.

Il primo post è dedicato a Oreste Perri, che risulta essere il principale protagonista della pagina, quasi fosse lui il vero obiettivo delle prese in giro, per quanto in qualche post compaia anche Gianluca Galimberti. Con data 23 aprile compare la foto del sindaco in moto in piazza Duomo utilizzata per i manifesti elettorali, già contestata da più parti, con una vignetta che riporta “In moto in piazza Duomo senza casco: doppia multa per il sindaco”. Altro post che attacca con decisione Perri riguarda i lavori di risistemazione delle strade messi in campo dalla Giunta nelle ultime settimane: “Lavori fatti all’ultimo per raccattare qualche voto”, scrive il gestore della pagina.

Dubbi vengono posti anche sui cartelli di divieto di transito per biciclette messi in mia Dante ma lasciati nascosti, “per non perdere voti”, si legge sul sito. Altro attacco che viene fatto al candidato è sulla sua squadra, che sulla pagina Fb viene denominata “La squadra che (non) cambia”, facendo riferimento alla presenza di quasi tutti gli assessori uscenti. Stoccata infine sul programma elettorale, che ancora non è stato presentato e reso pubblico (“Mi ha detto che l’ha mangiato il cane”, scrivono nell’ultimo post apparso in questi giorni).

Sotto il fuoco degli ideatori della pagina è finito anche Gianluca Galimberti, protagonista di una rubrica intitolata con l’ironico “Ma ‘ndua voret andà” (“ma dove vuoi andare”), che lo ritrae in diversi fotomontaggi, a bordo della sua bicicletta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti