Commenta

Seggi aperti dalle 7 fino alle 23 Al voto per comunali ed europee

vot-evid

foto Francesco Sessa

Domenica 25 maggio dalle ore 7.00 alle 23.00, cremonesi al voto sia  per le Europee che  per le Comunali. 92 i comuni della provincia dove si vota per entrambe le consultazione. Per Cremona, eventuale ballottaggio: domenica 8 giugno .Lo scrutinio dei voti per il Parlamento europeo inizierà a partire dalle ore 23.00 di domenica 25 maggio, subito dopo la conclusione delle operazioni di voto e l’accertamento del numero dei votanti. Per le elezioni comunali, lo scrutinio inizia alle ore 14.00 di lunedì 26 maggio.

Per esercitare il diritto di voto è necessario esibire la tessera elettorale e un documento di riconoscimento. Gli elettori non iscritti nelle liste, ma che hanno diritto di votare in forza di una sentenza che li dichiara elettori nel Comune, devono recarsi ad esprimere il loro voto nella sezione n. 1.

COME SI VOTA PER LE AMMINISTRATIVE . Il cittadino può esprimere il proprio voto in tre modi diversi: 1. tracciando un segno solo sul simbolo di una lista, assegnando in tal modo la propria preferenza alla lista contrassegnata e al candidato Sindaco da quest’ultima appoggiato; 2. tracciando un segno sul simbolo di una lista, eventualmente indicando anche la preferenza per uno dei candidati alla carica di Consigliere appartenenti alla stessa lista, e tracciando contestualmente un segno sul nome di un candidato Sindaco non collegato alla lista votata: così facendo si ottiene il cosiddetto “voto disgiunto”; 3. tracciando un segno solo sul nome del Sindaco, votando così solo per il candidato Sindaco e non per la lista o le liste a quest’ultimo collegate.

Oltre a Cremona, si rinnova il consiglio comunale nei capoluoghi di provincia: Biella, Verbania, Vercelli, Bergamo, Cremona, Pavia, Padova, Ferrara, Forlì, Modena, Reggio Emilia, Firenze, Livorno, Prato, Perugia, Terni, Ascoli Piceno, Pesaro, Pescara, Teramo, Campobasso, Bari, Foggia, Potenza, Caltanissetta, Sassari, Tortolì.

COME SI VOTA PER LE EUROPEE – Il voto di lista si esprime tracciando sulla scheda, con la matita copiativa, un segno sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta. Ciascun elettore può anche esprimere voti di preferenza. Il voto di preferenza deve essere espresso esclusivamente per candidati compresi nella lista votata.

È possibile esprimere fino a un massimo di tre voti di preferenza per candidati di una lista. Nel caso di tre preferenze espresse, queste devono riguardare candidati di sesso diverso, pena l’annullamento della terza preferenza.
I voti si esprimono scrivendo, nelle apposite righe tracciate a fianco del contrassegno della lista votata, il nome e cognome o solo il cognome dei candidati preferiti compresi nella lista medesima; in caso di identità di cognome fra più candidati, si deve scrivere sempre il nome e il cognome e, se occorre, la data e il luogo di nascita.

Cinque i candidati cremonesi in differenti liste in corsa per le Europee: Gemma Mantovani, nell’Alleanza liberal democratica; Massimiliano Salini, Ncd, Ugo Rizzi (Udc); Sergio Cofferati, Pd, Gianemilio Ardigò (Verdi).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti