Commenta

Alla Diocesi 390mila euro per i beni culturali

curia-

Nuovi fondi in arrivo per la manutenzione dei beni culturali ecclesiastici di Cremona: dall’Ufficio nazionale per i beni culturali sono infatti stati stanziati quasi 395mila euro per il nostro territorio. Fondi provenienti dall’8xmille che vanno ad aggiungersi alla quota diocesana ordinaria e che serviranno in modo particolare per interventi su alcuni edifici sacri.

“Anche lo scorso anno sono stati presentati alcuni progetti alla Conferenza Episcopale Italiana – spiega sul sito della Diocesi di Cremona monsignor Achille Bonazzi, responsabile dell’Ufficio diocesano per i beni culturali – per interventi sui beni di proprietà ecclesiastica appartenenti alla nostra realtà diocesana”. In risposta è giunto quindi il contributo: “I progetti – prosegue mons. Bonazzi – interessano quattro categorie di lavori: interventi per restauro di edifici sottoposti a vincolo, realizzazione di impianti di sicurezza, contributi per Biblioteca del Seminario, contributi per il Museo Berenziano. Non si è potuto, invece, chiedere fondi per l’Archivio Diocesano per documentazione insufficiente. I criteri di scelta per gli edifici sono stati finalizzati a privilegiare alcune chiese colpite dal sisma del 2012 come Casteldidone e Pomponesco caratterizzate da gravi problemi strutturali; altri per concludere i lavori su edifici già interessati da interventi degli anni precedenti come il campanile di S. Sigismondo dove si era già operato sulle coperture e negli interni; infine un aiuto a piccole comunità come Olmeneta”. Se in questo ultimo caso il contributo è di 50mila euro, negli altri tre è di 100mila euro. E’ invece di 13.000 euro lo stanziamento concesso al Museo Berenziano per il restauro di alcuni quadri; poco di meno (12.926,81 euro) è andato alla Biblioteca del Seminario per il restauro di alcuni volumi antichi e l’acquisto di attrezzature.

Vi è poi il capitolo relativo ai sistemi di allarme per le chiese di particolare valenza storico-artistica. “I fondi per i sistemi di sicurezza – precisa il responsabile dell’Ufficio diocesano per i beni culturali ecclesiastici – sono stati assegnati alle parrocchie che ne hanno fatto richiesta”. Nello specifico si tratta di 4.319,70 euro per la chiesa di S. Giacomo a Soncino, 3.799,40 per quella di Villacampagna, 3.732,85 per Antegnate, 3.666,30 per Cividale Mantovano e 3.212,55 per Pomponesco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti