Commenta

Cantiere via Persico, niente tributi per le attività dell'area

PERSICO2-evid

La Giunta comunale ha deciso di concedere l’esenzione dal pagamento dei tributi comunali (I.M.U. TARI, I.C.P. e COSAP), per l’anno 2014, alle attività artigianali e commerciali interessate dal cantiere per lavori di realizzazione del sottopasso ferroviario in via Persico, che hanno presentato la relativa istanza e che dimostreranno l’avvenuta diminuzione di reddito relativa all’anno 2014, presentando l’idonea documentazione entro il 30 settembre 2015.

“La normativa vigente – spiega al riguardo l’assessore con delega al Bilancio Mauro Manzi – consente ai Comuni di deliberare agevolazioni sui tributi di loro competenza, fino alla totale esenzione, per gli esercizi commerciali ed artigianali situati in zone precluse al traffico per lo svolgimento di lavori di pubblica utilità che si protraggono per oltre sei mesi.  Da qui la decisione di concedere l’esenzione dal pagamento dei tributi alle attività artigianali e commerciali interessate dal cantiere di via Persico, con lo scopo di compensare, per quanto possibile, l’eventuale danno economico subito nel corso del 2014, riconducibile ad un minor introito derivante dalla chiusura al traffico delle zone oggetto dei lavori”.

La riscossione dei singoli tributi (I.M.U, TARI, I.C.P. e COSAP) per l’anno 2014, dovuti dalle attività commerciali ed artigianali che hanno presentato la domanda di esenzione e che sono in regola con i pagamenti ed adempimenti connessi, qualora non ancora avvenuta, viene temporaneamente sospesa, in attesa di verificare la sussistenza del requisito relativo alla diminuzione del reddito riferito all’anno 2014, che dovrà essere dimostrato a cura delle attività interessate. I competenti uffici del Settore Gestione Entrata del Comune di Cremona, concluso l’esame della documentazione presentata, comunicheranno alle attività interessate la definitiva esenzione dal pagamento dei tributi per l’anno 2014, oppure la revoca della sospensione.

Gli uffici comunali stanno predisponendo delle lettere da inviare alle attività interessate per diffondere il più possibile l’informazione sulla possibilità di fare domanda di esenzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti