Un commento

Inceneritore, a Desio gara deserta per revamping

Lettera scritta da M5S Cremona

Dalla pagina web del portavoce M5S in Regione Lombardia, Gianmarco Corbetta: http://gianmarcocorbetta.it/2014/07/clamoroso-deserta-la-gara-per-il-revamping-del-forno-di-desio/

“Apprendo, con viva e vibrante soddisfazione, dal sito della società Bea Brianza Ambiente Energia, che la ‘gara a procedura aperta per la selezione del/i socio/i privato/i di minoranza della società Bea Gestioni S.p.A.’ è andata deserta per il lotto 3 relativo ai lavori di revamping del forno inceneritore (20 milioni di euro).

Stessa sorte per il lotto 1 (7 milioni di euro) per la realizzazione di un impianto di compostaggio, mentre è in corso di definizione il lotto 2 (6 milioni di euro) relativo alla fornitura di una nuova turbina per la produzione di energia.

Si tratta di un’ottima notizia per tutti coloro che hanno a cuore la corretta gestione dei rifiuti, il rispetto dell’ambiente e la tutela della salute umana.

La dirigenza di Bea e i sindaci avevano fatto orecchie da mercante a chi li avvisava che il mondo della gestione dei rifiuti attorno a loro era cambiato; che in Lombardia i rifiuti sono e saranno sempre di meno; che la Regione sta per finalizzare un piano per la graduale dismissione degli impianti più vecchi e meno efficienti. Come gli ultimi soldati giapponesi, hanno continuato a combattere una guerra già persa, difendendo il progetto di rifacimento e potenziamento del forno di Desio (vecchio di 40 anni), che prevede di allungarne la vita ancora per altri 18 anni.

Laddove non è arrivata la politica brianzola, ci è arrivato il mercato, che ha bocciato sonoramente i sogni di gloria inceneritoristi di Bea e dei sindaci soci (di centro-sinistra) che avevano approvato il suo piano industriale. Ora è il mercato a decretare il fallimento di questo progetto senza senso.

Dispiace per l’impianto di compostaggio, questo si realmente utile al nostro territorio; ma evidentemente nessuna azienda si azzarda ad entrare nel capitale sociale di una società come Bea – così miope da puntare ancora sull’incenerimento dei rifiuti – anche per la gestione di attività parallele che nulla hanno a che fare con l’incenerimento.

Il MoVimento 5 Stelle chiede le dimissioni immediate dei vertici di Bea e Bea Gestione. Non esistono uomini per tutte le stagioni, chi ha fallito vada a casa.

E ora si spera che i sindaci finalmente capiscano di essersi cacciati in un vicolo cieco, rimettano mano al piano industriale e facciano partire un tavolo di lavoro, composto da esperti indipendenti, che studi la fattibilità tecnica, economica e ambientale di scenari alternativi al revamping. Proprio come stanno facendo i sindaci soci dell’inceneritore Accam di Busto Arsizio. E’ così difficile seguire la loro strada?”

E a Cremona? Gli attuali amministratori “rossocrociati”, così attivi a parole contro l’inceneritore quando stavano sui banchi della minoranza o in comitati sedicenti “apartitici”, ma che spesso servono come trampolino di lancio per la carriera politica, adesso che fanno? E Aem con Lgh, che fanno orecchie da mercante a tutte le sollecitazioni dei cittadini che hanno a cuore la sostenibilità?

La data certa di spegnimento dell’inceneritore che fine ha fatto? E l’applicazione corretta della tariffa puntuale, che premierebbe chi differenzia di più e meglio, invece di applicare aumenti indiscriminati sulla base di criteri senza senso?

Cremona continua a restare arroccata nella difesa dei privilegi e dei poteri consolidati. Se è questo “fare nuova la città”, purtroppo resteremo antiquati almeno per i prossimi cinque anni.

M5S Cremona

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • paolo

    succederà anche a cremona quando lgh indirà la gara per il revamping dell’inceneritore che oramai dopo 21 anni è da consideratre un cesso di impianto nesuno parteciperà alla gara gli imprenditori non sono cosi sprovveduto ad investire soldi su un impianto catorcio antieconomico e altamente inqiuinante .