Commenta

'Cooperative sociali, no al taglio ai contratti: sarebbe colpo ai servizi' Appello Forum Terzo Settore al Comune

comune-coop-sociali-evid

Nella foto, Palazzo comunale

Netta contrarietà del Forum Terzo Settore di Cremona al possibile taglio del 5% ai contratti in corso con le cooperative sociali che il Comune potrebbe applicare in base al quadro normativo su cui ha lavorato il Governo Renzi. Il Forum esprime il proprio no “all’applicazione di un provvedimento che, con lo scopo di ridurre la spesa pubblica, avrebbe il solo effetto di ridurre ulteriormente la spesa sociale e i servizi”.

Un confronto sulla questione, chiesto dal Forum, si è svolto lunedì con l’Amministrazione comunale. I rappresentanti del Terzo Settore hanno incontrato l’assessore competente, Rosita Viola, e hanno espresso tutta la loro perplessità.

“Se ci sono ancora margini di recupero di spesa con una migliore efficienza e razionalizzazione – spiegano dal Forum – queste azioni vanno fatte. No però a tagli lineari e generici e no soprattutto nel campo della spesa sociale destinata a minori, disabili, anziani e famiglie”.

Non è tutto: “Il Forum ha anche ribadito la necessità del massimo di trasparenza nella gestione delle risorse pubbliche e del confronto come metodo nel rapporto tra la amministrazione pubblica e i vari soggetti che a vario titolo hanno ruoli nella organizzazione della comunità. Da parte dell’assessore abbiamo avuto la rassicurazione sulla volontà di confrontarsi e fornire tutte le informazioni necessarie a trovare le condizioni per poter assumere le decisioni necessarie, stante anche la difficilissima situazione del bilancio comunale”.

“Sempre l’assessore, a nome della Giunta municipale, ha garantito – spiegano ancora dal Forum del Terzo Settore – l’impegno a evitare Il taglio in oggetto in modo orizzontale, anche se economie andranno fatte per recuperare risorse. Le decisioni potranno essere prese solo dopo una attenta valutazione di tutte le voci di bilancio. Forum e Amministrazione comunale condividono la necessità del confronto come metodo di lavoro e di reciproco interesse. Con questo impegno ci si è dati appuntamento a breve per definire tempi e modalità del confronto”.

Michele Ferro
redazione@cremonaoggi.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti