Un commento

Riunione d'emergenza in Ascom per decidere l'offensiva sulla Tari

tari rivolta-evid

Allerta massima sulla Tari, la tariffa rifiuti che sta dando il colpo di grazia a molte attività del settore della ristorazione (si parla di tre attività che hanno già deciso la chiusura entro fine anno). Per questo, su sollecitazione dei singoli iscritti, domani 1 agosto Confcommercio ospiterà una riunione tra tutti i rappresentanti delle associazioni maggiormente colpite dagli aumenti (commercianti ed artigiani) per decidere quali iniziative attuare a supporto degli iscritti. Ci saranno i rappresentanti, oltre che della stessa Ascom, di Confeserenti, Asvicom, Cna e Confartigianato, oltre alle categorie del commercio e servizi di Cgil, Cisl e Uil che questa settimana erano già intervenute con un proprio documento in Comune. Proprio oggi Confesercenti ha protocollato all’ente locale la petizione con 300 firme che chiede di rivedere i coefficienti alla base della tariffazione.

Tra le iniziative che potrebbero scaturire dall’incontro di domani, c’è il ricorso al Tar contro le modalità di calcolo della Tari di quest’anno: tra pizzaioli e ristoratori, la richiesta alle associazioni di impugnare la delibera di consiglio che fissa i coefficienti circola già da tempo, come ‘estrema ratio’. Inoltre altri commercianti insistono sul fatto che la nuova amministrazione a guida Galimberti ha ancora la possibilità di rivedere il bilancio 2014, modificando le voci che compongono l’entrata Tari. La fibrillazione del settore è dunque altissima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • paolo

    non dovete pagare cifre cosi esagerate ed improvvise ,fate come i terroni che pagano la cifra dell’anno precedente AUMENTATA DEL 10% e quando AEM chiederà il resto voi rispondete tenetevelo di mancia .
    Mi raccomando state uniti non pagate rivolgetevi prima ad un legale