Commenta

Canottieri, mare in città per 23mila Ecco il Ferragosto di chi resta

ferragosto-evid

fotoservizio: Francesco Sessa

Ferragosto in città: le società canottieri e i circoli sportivi  fanno il pieno, sperando nel sole che invece a luglio ha tradito. Per chi oggi rimane  in città, per scelta o obbligo, le società rivierasche e quelle di san Zeno, lo Stradivari, lo Sporting Club, Cral e dopolavoro, offrono eventi di tutti i tipi, feste, balli, tornei, in alcuni casi (vedi san Zeno, Bissolati, Flora) con una programmazione da fare invidia alla riviera romagnola. Cene a tema, giochi d’acqua, giochi senza frontiere, cacce al tesoro,  piscine aperte fino a tardi (alla Bissolati fino alle 23,45), e per chi non ne avesse abbastanza appendice con la tradizionale gnoccata di san Rocco il 16 (ancora Bissolati, Flora, San Zeno). Le canottieri fanno parte della vita dei cremonesi. Addirittura, secondo il recente studio realizzato dal Cersi dell’Università Cattolica, sono frequentate da 23mila persone. Se si pensa che la popolazione cremonese si aggira sui 70mila abitanti, si ha un’idea dell’entità del fenomeno, ma anche  della saturazione del mercato che nel medio periodo, un decennio, creerà qualche problema per la mancanza di ricambio generazionale.

La perdurante crisi economica sta trattenendo a casa più cremonesi degli scorsi anni per Ferragosto? Le risposte variano a seconda delle società. Il direttore della Baldesio, ad esempio, ha notato una drastica riduzione di frequentatori nella scorsa settimana rispetto allo scorso anno, “in certi giorni si potevano contare una ventina di persone in tutto”. Ma se non stupisce che il socio-tipo della più antica tra le società rivierasche vada altrove a trascorrere il ferragosto, lo stesso calo di frequenza viene riscontrato anche dal gestore della piscina comunale, che parla di una riduzione di oltre la metà dei frequentanti. “Ieri mattina (mercoledi, ndr)  – spiega il direttore Tapparelli, ci sono stati 25 ingressi, colpa del tempo piovoso o incerto”.  Nei giorni di massimo afflusso gli ingressi superano invece le 200 persone, per l’80% famiglie.

Nessuno scostamento significativo, se non per il maltempo, viene riscontrato anche alla canottieri Flora, dove anzi il presidente Alberto Superti parla di un boom di presenze quest’anno. E una tendenza all’aumento di frequentatori, quest’anno, viene riscontrata  anche presso il San Zeno.

CULTURA E SPORT  PER CHI RESTA IN CITTA’ – Evento clou del 15 agosto è la processione delle barche che, nel pomeriggio, scortano la statua della Madonna dell’Assunta dal lungo Po (località Flora) a Brancere, dove si svolgerà il rito della benedizione delle acque.

In mattinata, il 15 agosto, si tiene la 28esima “Bicicletàadà dè Feragùst”, in partenza dalla sede del Dopolavoro ferroviario e che interessa  P.zza Risorgimento, V.le Trento Trieste, P.zza Libertà,Via Ghisleri, Via Buoso da Dovara nel tratto compreso tra Via Ghisleri e Via Postumia,Via Postumia fino al confine del territorio comunale (dalle ore 09.30 alle ore 10.00).

Infine, tutti i musei restano aperti oggi: Museo del Violino dalle 10 alle 18, Pinacoteca di via U.Dati  dalle 10 alle 17, museo di storia naturale dalle 10 alle 17, museo archeologico San Lorenzo dalle 9 alle 13, Salone degli Alabardieri a Palazzo comunale dalle 10 alle 17.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE IMMAGINI DEL FERRAGOSTO CREMONESE NELLE CANOTTIERI (FLORA E STRADIVARI)

© Riproduzione riservata
Commenti