Commenta

Grande dolore a San Pietro al Po per Matteo e Greta Lunedì mattina alle 10 i funerali

veglia-evid

Foto Sessa

Grande cordoglio durante la cerimonia svoltasi venerdì sera in ricordo di Greta e Matteo Facchinelli, i due bimbi cremonesi scomparsi nel tragico incidente di Verolanuova. Una tragedia che ha colpito il cuore di una comunità parrocchiale, quella di San Pietro al Po, che ha voluto essere vicina al dolore del padre Dorino Roberto e della madre, Laura Aletti. Intanto è stata fissata anche la data del funerale, che si svolgerà lunedì alle 10, proprio a San Pietro.

Matteo aveva fatto la cresima lo scorso 2 giugno e frequentava l’oratorio assiduamente, così il padre, che è da tempo impegnato nel Consiglio affari economici della parrocchia, diretta da don Stefano Moruzzi, parroco di San Pietro al Po. “Sono due genitori meravigliosi – dice il parroco -, che hanno sempre seguito molto i figli. Per la parrocchia questa vicenda è stato un vero shock, che ha lasciato tutti frastornati e costernati”. La parrocchia, per stringersi ulteriormente attorno al dolore della coppia di genitori, organizza un altro momento di preghiera per la serata di venerdì, alle 21. I funerali dovrebbero essere lunedì, ma ancora si attende una conferma ufficiale.

Grande cordoglio anche da parte della scuola media Beata Vergine, dove il piccolo Matteo si era iscritto da poco. “Siamo rimasti molto addolorati – evidenzia madre Giuliana -. Matteo sarebbe divenuto un nostro alunno a partire da settembre, e leggere di quell’incidente è stato un duro colpo… Il nostro pensiero ora va alla famiglia di quei due bambini, colpita in modo così tragico. La nostra speranza è che riescano ad andare avanti, sorretti dalla fede. Credo che per una madre perdere un figlio sia una tragedia immensa, il dolore più grande che si possa provare”.

Grande il cordoglio anche a Corte de’ Cortesi per la terza vittima di quel tragico scontro, il 19enne Bogdan Vasilache, i cui funerali si svolgeranno sempre lunedì alle 15.30, nella chiesa parrocchiale del paese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti