14 Commenti

Arcimboldo, perché non una mostra sull'agroalimentare?

Lettera scritta da Paolo Carletti

Egregio direttore,

La lettera del Sindaco Galimberti soprattutto svela la sincera passione che lo stesso nutre nei confronti di Cremona, sentimento che ci ha unito in campagna elettorale e che speriamo ci possa unire di nuovo nel corso di questi 5 lunghi anni di legislatura.

Si legge la voglia di vedere Cremona  degna di ogni interlocutore nazionale ed internazionale, il desiderio di far crescere una comunità di cui tutti i cremonesi si possano sentire orgogliosi. L’ Arcimboldo a Cremona e non a Milano durante Expo ha il senso della provocazione, il che non è affatto male per un territorio che viene da vent’anni trattato dalla Regione come un’inutile e scomoda appendice.

Ma la provocazione non basta, il Psi suggerisce di cogliere al meglio l’occasione data dalla polemica sollevata a livello nazionale dopo il gran rifiuto del nostro Sindaco anche per dare maggior rilievo al dipinto dell’Arcimboldo che, all’oggi, non crediamo possa attrarre sciami di visitatori.
Come non pensare, ad esempio, ad una mostra a Cremona incentrata su dipinti che abbiano come protagonista l’agroalimentare proprio partendo dall’ortolano dell’Arcimboldo ?
Sarebbe un’idea per attirare a Cremona visitatori e un passo per certificare il percorso che deve compiere Cremona per diventare la vera capitale dell’agroalimentare.
Già che siamo in tema di provocazioni, perché non chiedere al prof. Sgarbi di svolgere la funzione di curatore della mostra?

Paolo Carletti
segretario prov. Psi
consigliere socialista gruppo PD

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • G.

    Proposta molto interessante, infatti ci sono molti dipinti di artisti cremonesi, non solo Arcimboldo, con protagonista l’agroalimentare, come La fruttivendola e la pollivendola del Campi, ma anche i mangiatori di ricotta, e non solo. Speriamo che il nostro sindaco prenda in sera considerazione questa proposta che potrebbe essere importante per la città.

  • Sorcio Verde

    Caro Sig Carletti,
    a parte il fatto che a mio parere il P.S.I. andrebbe vietato per legge come il fascismo e il nazismo, e come fanno in alcuni paesi dell’est europa con il comunismo, visti i guai che ha portato all’Italia nei mitici anni ottanta.(Craxi and company) ma questa è soltanto una mia opinione….
    Gli elettori però lo hanno capito, relegando le percentuali del suo partito allo 0 virgola, un po’ come il ferro nel sangue.
    Una domanda anche per il Sig. Carletti… come per il Sig Sindaco.
    Quanti Expo ha visto in vita sua?
    Da quello che scrive e si intuisce, nessuno.
    E’ un po’ come parlare di calcio e non aver mai giocato a calcio, ma neanche aver mai visto una partita!
    Lasci stare, si fanno brutte figure!
    Saluti
    Antonio

    P.S.Per sua informazione, la capitale dell’agroalimentare riconosciuta a livello europeo è quì vicino, e si chiama Parma.

  • BillyBalle

    Antonio…ho lavorato due anni ad una delle più importanti EXPO Universali della storia ma Cremona è l’unico posto al mondo dove l’esperienza non conta nulla, nemmeno il merito e la professionalità. Non capire che essere presenti nel catalogo EXPO con un opera d’arte è una occasione unica ed irripetibile….la dice lunga su tutto il resto. Da mesi ci parlano di eccellenze agroalimentari ma cosa abbiamo di tanto speciale rispetto ad altri paesi che producono le stesse cose come torrone, cioccolato, frutta senapata, salami, formaggi, pasta….e con quote di mercato internazionali decisamente maggiori delle nostre? Bastano solo 3 prodotti agroalimentari del parmense per decretare chi ha i requisiti di eccellenza…

  • Sorcio Verde

    Infatti, questa amministrazione non capisce che portare l’arcimboldo a Milano è un occasione unica, il quadro non è un gran chè, diciamolo, ma ha la fortuna che la mascotte gli assomiglia e quindi può essere usato come un cartello stradale che indica una direzione, i visitatori dell’Expo magari vedranno che vicino a Milano c’è una città come Cremona con alcune cose da vedere (non troppe) e si potrà così far conoscere ai turisti.
    Un visitatore che viene all’Expo se non gli dai uno stimolo rimarrà a Milano per la moda, oppure sicuramente andrà a Venezia a Firenze a Roma per l’arte, oppure a Parma e l’Emilia per il cibo.
    Quando mai capiterà un occasione simile e GRATUITA di dire c’è anche Cremona?
    Ma abbiamo questo Sindaco, assessore alla kultura, che purtroppo tanti hanno voluto sulla scia degli 80 euro di Renzi e prima o poi se ne pentiranno…..se non l’hanno gia fatto.

    • pinco pallino

      E’ un vero peccato che NON ci sia più “”el fatur de tecc della cascina urbana.”””.altrimenti avremmo potuto esporre la piazza del comune dopo il mercato………un vero letamaio…………con carote e cipolle di scarto……..!!!!

      • BillyBalle

        Ma siamo ancora in tempo…il mercato esiste e il dopo è in quelle stesse condizioni…ha lanciato un ottima idea da condividere…con questa giunta, si faccia avanti!

      • Sorcio Verde

        King, ma non stare a rispondere a PiPì, non ha null’altro da fare, è un akkulturato… Gli consiglio di andare a ricevere gli immigrati alla Casa dell’accoglienza, così almeno fa qualcosa.

        • pinco pallino

          Ma Lei invece si fa consigliare dalla SUA cleopatra..?????.!!!!

          • BillyBalle

            Antonio il pinco pallo è solo invidioso……https://www.youtube.com/watch?v=LQcxpl9vxVI

          • Sorcio Verde

            E’ vero!E’ risaputo che l’invidia è una brutta bestia!

          • pinco pallino

            lei si..che se ne intende…………!!!!

          • pinco pallino

            di chi………………????????
            mamma…..li turchi………….!!!!!

          • pinco pallino

            di chi…….?????
            mamma li turchi,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,,!!!!!!!!!

  • antonio1956

    Non avevo letto l’articolo nelle settimane precedenti. Chiedo al Segretario Carletti: non è il caso che si occupi degli orti urbani, e lei come curatore ? Così, tanto per provocare !