Commenta

Immobili e terreni demaniali, il Comune richiede quelli strategici per la città

comune-evid

Nel corso della Giunta comunale di mercoledì mattina il Comune ha parlato dei beni immobili di proprietà dello Stato che il Comune può richiedere gratuitamente (federalismo demaniale). Un argomento proposto dall’ordine del giorno dell’assessore all’Area Vasta e alla Casa Andrea Virgilio. La scelta dell’amministrazione ricade su alcuni beni particolarmente strategici per la città: terreni ex Azienda Portuale in via Lungo Po Europa, appartamenti in via Tofane, ex terreni artigianali a sinistra del fiume Po, viale lungo Po Europa, ex argini a destra e sinistra del Cavo Cerca, appartamento in via Ferrante Aporti, terreno lato sud Piazza D’Armi su via dei Cipressi.

Il Comune di Cremona, sulla base degli elenchi messi a disposizione dell’Agenzia del Demanio nel secondo semestre 2013, ha inoltrato istanza per l’attribuzione di beni immobili ricadenti nel territorio comunale e ritenuti strategici per la loro valorizzazione. L’Agenzia del Demanio ha rilasciato parere positivo al trasferimento, subordinandolo alla presentazione dell’atto formale di conferma della richiesta. Il Comune aveva chiesto una deroga vista l’imminente scadenza elettorale. Ora, a seguito del positivo passaggio in Giunta, è necessario confermare la richiesta di attribuzione con un provvedimento consiliare.

“Cerchiamo di cogliere le opportunità del federalismo demaniale – è la dichiarazione dell’assessore all’Area Vasta e alla Casa Andrea Virgilio – in una prospettiva di valorizzazione dei terreni e degli edifici acquisiti dal demanio. Ci sono infatti diverse esigenze da soddisfare a partire dalla necessità di rispondere all’emergenza abitativa e anche al bisogno più generale di riutilizzo di nuovi spazi”. La Giunta ha già fissato per inizio ottobre due giornate intere di lavoro sulla valorizzazione degli spazi in città.

© RIPRODUZIONE

 

© Riproduzione riservata
Commenti