Commenta

Festa del Torrone 2014 verso Expo fra tradizione e innovazione

Festa-Torrone-evid

Dal 15 al 23 novembre torna la Festa del Torrone di Cremona, che lo scorso anno ha richiamato ben 240mila visitatori. Confermato quindi il format dello scorso anno, che vede una Festa spalmata su nove giorni. In mattinata, in un’affollata sala della Consulta in Comune,  la conferenza stampa di presentazione, a cura dell’organizzatore dell’evento clou dell’annata cremonese, la Sgp di Sefano Pellicciardi. Dopo una lunga estate di promozione  in giro per le località a maggiore attrazione turistica, l’evento è finalmente stato presentato alla città che lo ha ideato. Strade e piazze saranno animate da eventi, spettacoli e degustazioni. Il tema di questa edizione sarà ‘La multimedialità’ (internet e le tecnologie mobile) con l’intento di abbracciare non solo i golosi del mondo del dolce ma tutti quelli appassionati che utilizzano il web e le moderne tecnologie per essere costantemente al passo con i tempi. Pertanto, il programma verrà integrato con un portafoglio di iniziative e di incontri, che racconteranno il tema nelle sue diverse espressioni, nelle sue varie esperienze, legandolo alle diverse forme artistiche. Molti saranno gli appuntamenti speciali che esalteranno ‘La multimedialità’ fondendola allo stesso tempo con la ricchissima tradizione culturale e gastronomica della città.

L’importanza della tecnologia è testimoniata dalla partnership con LineaCom. “Oggi la tecnologia può essere per tutti – evidenzia l’amministratore Gerardo Paloschi -. Vogliamo sfruttare la Festa del Torrone entrandovi in punta di piedi, per mettere insieme una serie di eventi che tocchino tutte le fasce sociali.  Cremona è una città ricca di tradizioni, ma negli ultimi 15 anni è diventata anche tra le prime città per l’avanguardia tecnologica e per la banda ultralarga. Questa vocazione tecnologica può essere un ottimo supporto per valorizzare le grandi tradizioni locali”.

“La Festa del torrone è in grado di unire la nostra tradizione dolciaria alla capacità di presentarci al mondo e di marketing internazionale – ha detto il sindaco Gianluca Galimberti -. Dobbiamo essere in grado di portare avanti una proposta strutturata, che sia in grado di fronteggiare i mercati del turismo mondiale, portando avanti le nostre eccellenze. Mi auguro allora che la Festa del Torrone sia l’occasione per dare il via al lungo percorso verso Expo, che vedrà Cremona come protagonista anche grazie all’Arcimboldo, quadro che verrà adeguatamente valorizzato”. L’appuntamento con Expo sarà peraltro molto importante, tanto che, per far rientrare la Festa nelle manifestazioni previste da Expo 2015, l’anno prossimo verrà anticipata ad ottobre.

“Il settore dolciario a Cremona impiega ben 3mila addetti, per un totale di 300 imprese e con un fatturato annuo pari a 600 milioni di euro – evidenzia Maria Grazia Cappellini, della Camera di Commercio, evidenziando l’importanza di una manifestazione che valorizza uno dei comparti principali dell’industria cremonese.

Molti gli appuntamenti promossi dale principali aziende cittadine: la Vergani, la Rivoltini e la Cloetta (Sperlari). “Abbiamo pensato di coinvolgere un gruppo di giovani artisti che realizzeranno un’opera dal vivo -evidenzia Enrico Manfredini -. Questi artisti fanno parte del programma televisivo The Eyes , il primo talent show italiano dedicato all’arte (in onda su Elite Shopping tv, visibile sul canale 121 del digitale e sulla piattaforma Sky 863): la puntata del 15 novembre sarà, infatti, realizzata in partnership con Sperlari.
Il torrone Sperlari sarà protagonista anche di un’attività realizzata con alcune food blogger italiane, “Torrone di Cremona chiama foodblogger”:  saranno, infatti, chiamate a creare un’originale ricetta a base di torrone Sperlari. Durante la Festa, inoltre, le blogger partecipanti all’iniziativa potranno avere libero accesso alla sala stampa 2.0 “La cucina
delle notizie ” e a numerosi supporti e agevolazioni per scoprire la Festa e la città di Cremona”. Non mancheranno poi gli attesissimi Laboratori del gusto  (dal 17 al 21 novembre) in occasione dei quali Sperlari apre le sue porte al pubblico”.

Per quanto riguarda Vergani, torna anche per questa edizi0one lo show cooking “presso il Refettorio della Chiesa di San Pietro al Po domenica 23 novembre alle ore 11.00, durante il quale Alberto Naponi, il famoso pasticcere Maurizio Santin e il maestro della pasticceria italiana Iginio Massari, si esibiranno nella realizzazione di un dolce della tradizione, utilizzando il torrone Vergani – racconta Daniele De Stefano -. Inoltre, la ditta Secondo Vergani è protagonista di uno degli eventi più dinamici e fantasiosi legati all’edizione 2014 della kermesse: “Zucchero, miele e fantasia” sfida televisiva tra le scuole alberghiere della Lombardia, una sorta di talent show con tanto di sfide davanti alle telecamere, trasmesso da Cremona1, a partire da venerdì 3 ottobre e su Studio1, a partire da sabato 4 ottobre. La gara ha visto i concorrenti impegnati nella realizzazione di diversi dessert con ingredienti e ricette segreti, svelati solo prima dell’avvio della competizione. In occasione della Festa del Torrone, l’appuntamento sarà nuovamente trasmesso durante tutto il primo weekend sui maxi schermi che saranno posizionati nei punti nevralgici della manifestazione. I vincitori e tutti i partecipanti saranno poi premiati in occasione dello show cooking di domenica 23 novembre presso il Refettorio della Chiesa di San Pietro al Po”.

Rivoltini, infine, ripropone diverse iniziative. “A partire da ‘Le Mani in Pasta al Gelato’ – evidenzia Massimo Rivoltini -. Una iniziativa rivolta ai piccoli studenti. Attesissima la disfida del dolce lombardo al gelato, un confronto tra artigiani della pasticceria rappresentanti ognuno di una provincia del territorio lombardo. Ognuno di loro preparerà in modo originale ed elaborato una ricetta utilizzando il gelato artigianale al torrone come ingrediente principe. Ai Presidenti e Segretari di Confartigianato della Provincia di provenienza dei gelatieri spetterà l’onere e l’onore di presentare il dolce della propria tradizione culinaria provinciale e il relativo artigiano. Cis arà poi ‘La disfida del gelato gastronomico’. I cuochi artigiani si cimenteranno nella realizzazione di una ricetta utilizzando come ingrediente un gelato gastronomico preparato da un mastro gelataio di Confartigianato davanti ad un pubblico di esperti e appassionati del settore. Infine un’ultima grande novità della Festa è il Torrone d’acqua dolce che suggella il gemellaggio fra Sirmione, ridente cittadina del Lago di Garda, e la festa del Torrone di Cremona, dando vita allo speciale Torrone dell’Eremo di San Giorgio. Il torrone, realizzato con il miele dei monaci benedettini dell’Eremo di San Giorgio a Bardolino, nelle colline tra la Valle dell’Adige e il Lago di Garda, è stato presentato in anteprima a Sirmione il 4 settembre e potrà essere assaggiato in occasione della kermesse di novembre”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti