Commenta

Pista ciclabile Cava, opposizione: "Il Comune non blocchi il progetto"

cava-fasani-evid

Opposizione pronta a dare battaglia alla Giunta se quest’ultima decidesse di non portare avanti il progetto della pista ciclabile di Cavatigozzi. Nella mattinata di sabato i capigruppo dei partiti di Forza Italia, Ncd e Lista Obiettivo Cremona hanno incontrato i residenti, per chiarire la situazione della pista e per ribadire la loro preoccupazione in merito alle intenzioni della Giunta Galimberti: “Il progetto che era stato realizzato dalla Giunta Perri, che prevedeva la realizzazione della pista lungo il tracciato della ex ferrovia, è completo e perfettamente realizzabile – ha spiegato il consigliere di Ncd, Federico Fasani -. Si tratta di un progetto realizzato grazie al nuovo Pgt approvato nel precedente mandato, attraverso il quale è possibile chiedere al privato che intende costruire di realizzare un’opera pubblica a scomputo degli oneri di urbanizzazione. Attraverso questo sistema il Comune ha già sottoscritte e firmate due convenzioni, per un importo complessivo di 780mila euro, che consentono di finanziare il progetto”. Insomma, secondo l’opposizione non ci sarebbero scuse per non far partire i lavori. “Il primo lotto è addirittura già appaltato e il Comune non può certo bloccare i lavori – evidenzia ancora Fasani -. Tuttavia abbiamo il timore che, con una presa di posizione assolutamente ideologica, la maggioranza voglia proporre un progetto differente, cosa che provocherebbe un blocco dell’avanzamento dei lavori”.

In virtù di questo timore l’opposizione ha comunicato che sarà presente mercoledì prossimo in commissione Territorio, proprio per approfondire l’argomento. “Saremo prontissimi a sostenere l’amministrazione se deciderà di portare avanti il progetto e siamo disponibilissimi anche a condividere eventuali variazioni. Se però dovessero dire che l’opera non è realizzabile, ci opporremo con forza, perché sappiamo che non è così” conclude Fasani.

Molti i residenti che hanno preso parte all’incontro, chiedendo chiarimenti sulla situazione. “A noi non interessa che si cambi il percorso ma che la pista venga fatta, più velocemente possibile” hanno detto in molti.

LA RISPOSTA DELL’ASSESSORE MANFREDINI – Non si fa attendere la risposta dell’assessore Alessia Manfredini, arrivata a poche ore dalla conferenza stampa di Fasani. “Nessuna volontà di bloccare il progetto – afferna – anzi la Giunta si è messa d’impegno con il privato per accelerare le procedure pur non avendole decise e condivise e mantenendo un contatto costante con il comitato di quartiere. L’amministrazione vuole una pista ciclabile realizzata in tempi certi e a norma di sicurezza. Vista la modalità ereditata, resta da individuare la tempistica che, l’opposizione dovrebbe saper bene, non dipende dal Comune ma dal privato, individuato a due giorni dell’elezione. Mercoledì in commissione, alla presenza anche del comitato di quartiere, verranno illustrati iter e dettagli, nell’ottica di una condivisione con i consiglieri comunali. Sarà questa amministrazione a dare il via ai lavori. Ma per davvero stavolta”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti