Commenta

Misure anti-smog: più controlli del Comune su veicoli e caldaie

smog-evid

Più controlli su veicoli, caldaie e altri impianti termici: a seguito dell’entrata in vigore dei provvedimenti regionali legati alla limitazione della circolazione per alcuni veicoli finalizzati alla riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera e per il miglioramento della qualità dell’aria, il Comune ha stabilito di diventare più severo nelle verifiche, ma anche di mettere in campo una campagna di informazione, che apparità anche sul sito ufficiale del Comune e attraverso Infosmog, linea telefonica dedicata ai cittadini.

“Come sempre sul sito del Comune saranno quotidianamente pubblicati i dati delle centraline dell’Arpa e  data notizia dei giorni di supero nonché dei valori medi di concentrazione dei principali inquinanti – spiega l’assessore Alessia Manfredini -. Anche quest’anno il Servizio Ecologia attiverà la newsletter, che informa del superamento dei limiti per gli inquinanti dell’aria, sui provvedimenti adottati, inoltre ad informazioni generali e notizie utili sulle buone pratiche per la prevenzione dell’inquinamento, la salvaguardia dell’ambiente e la tutela della salute pubblica. Sarà particolarmente incentivata – prosegue l’assessore – l’attività di controllo da parte della Polizia Locale al fine di far rispettare i blocchi, nonché l’attività di controllo dei camini. Per quanto riguarda la campagna di controllo delle caldaie, si procederà aumentando il numero di controlli attivati le precedenti annualità, oltre che ad incentivare la campagna di comunicazione in merito alle prescrizioni previste per i proprietari di impianti alimentati a biomassa (anche le stufe a pellet), per i quali sono previsti precisi obblighi per verificare l’efficienza degli impianti e la registrazione al catasto regionale (Curit)”.

Secondo il Piano regionale, per Cremona e i Comuni di cintura (oltre che agli agglomerati di Milano, Brescia e Bergamo, capoluoghi di provincia della bassa pianura Pavia, Lodi e Mantova e relativi Comuni di cintura) il fermo della circolazione dal 15 ottobre 2014 al 15 aprile 2015, è in vigore dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 19.30 per i seguenti veicoli: autoveicoli ad accensione comandata (benzina) non omologati ai sensi della direttiva 91/441/CEE e successive (veicoli detti “Euro 0 benzina”); autoveicoli ad accensione spontanea (diesel) omologati ai sensi della direttiva 91/542/CEE, o 96/1/CEE, riga B, oppure omologati ai sensi delle direttive da 94/12/CEE a 96/69/CE ovvero 98/77/CE (veicoli detti “Euro 0, Euro 1, Euro 2 diesel”).

E’ inoltre vigente il fermo permanente della circolazione per i motoveicoli e i ciclomotori a due tempi di classe Euro 0, in tutte le zone del territorio regionale (A1, A2, B, C1 e C2), da lunedì a domenica, dalle 00,00 alle 24,00, così come il fermo permanente degli autobus M3 adibiti al Trasporto Pubblico Locale (TPL) di classe Euro 0, Euro 1 ed Euro 2 diesel privi di filtro antiparticolato efficace su tutto il territorio regionale. In tutta la Regione, in questo periodo, è obbligatorio spegnere i motori degli autobus nella fase di stazionamento ai capolinea e quelli dei veicoli merci durante le fasi di carico/scarico.

Per la tutela dell’aria dal 15 ottobre 2014 al 15 aprile 2015 sono vietati: l’utilizzo di apparecchi obsoleti utilizzati per il riscaldamento domestico alimentati a biomassa legnosa (camini e stufe con rendimento <63%); utilizzare olio combustibile per gli impianti di riscaldamento civile con potenza installata inferiore a 10 MW in tutta la; la combustione all’aperto; climatizzare locali a servizio dell’abitazione in edifici destinati a residenza (box, cantine, depositi, scale).

Durante il periodo di limitazione della circolazione vengono esclusi dal divieto:
• veicoli muniti di impianto, anche non esclusivo, alimentato a gas naturale o gpl, per dotazione di fabbrica o per successiva installazione;
• veicoli alimentati a diesel (gasolio), dotati di efficaci sistemi di abbattimento delle polveri sottili (filtri FAP) sia per dotazione di fabbrica, sia per successiva installazione. (N.B. per “efficace sistema di abbattimento delle polveri sottili” si intende un sistema FAP in grado di garantire un valore di emissione del particolato pari o inferiore al limite fissato per gli Euro 3);
• veicoli storici, purché in possesso dell’attestato di storicità o del certificato di identità/omologazione, rilasciato a seguito di iscrizione negli appositi registri storici;
• veicoli classificati come macchine agricole di cui all’art. 57 del Decreto legislativo 285/1992;
• motoveicoli e ciclomotori dotati di motore a quattro tempi anche se omologati precedentemente alla direttiva n. 97/24/CEE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 giugno 1997, relativa a taluni elementi o caratteristiche dei veicoli a motore a due o tre ruote, cosiddetti euro 0 o preEuro 1;
• veicoli muniti del contrassegno per il trasporto di portatori di handicap ed esclusivamente utilizzati negli spostamenti del portatore di handicap stesso;

Sono  esclusi dal fermo della circolazione anche i seguenti veicoli:
• appartenenti a soggetti pubblici e privati che svolgono funzioni di pubblico servizio o di pubblica utilità, individuabili o con adeguato contrassegno o con certificazione del datore di lavoro, che svolgono servizi manutentivi di emergenza;
• commercianti ambulanti dei mercati settimanali scoperti, limitatamente al percorso strettamente necessario per raggiungere il luogo di lavoro dal proprio domicilio e viceversa;
• operatori dei mercati all’ingrosso (ortofrutticoli, ittici, floricoli e delle carni), limitatamente al percorso strettamente necessario per raggiungere il proprio domicilio al termine dell’attività lavorativa;
• servizio postale universale o in possesso di licenza/autorizzazione ministeriale di cui alla direttiva 97/67/CE come modificata dalla direttiva 2002/39/CE;
• blindati destinati al trasporto valori, disciplinati dal decreto del Ministero dei Trasporti n. 332 del 3 febbraio 1998;
• medici e veterinari in visita urgente, muniti del contrassegno dei rispettivi ordini, operatori sanitari ed assistenziali in servizio con certificazione del datore di lavoro;
• utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili ed indifferibili per la cura di gravi malattie in grado di esibire relativa certificazione medica;
• utilizzati dai lavoratori con turni lavorativi tali da impedire la fruizione dei mezzi di trasporto pubblico, certificati dal datore di lavoro;
• sacerdoti e dei ministri del culto di qualsiasi confessione per le funzioni del proprio ministero;
• con a bordo almeno tre persone (car pooling);
• delle autoscuole utilizzati per le esercitazioni di guida e per lo svolgimento degli esami per il conseguimento del le patenti C, CE, D, DE ai sensi dell’art. 116 del Decreto legislativo 285/1992;
• donatori di sangue muniti di appuntamento certificato per la donazione.

I Comuni non possono più concedere deroghe speciali e personali al di fuori di quelle previste dal provvedimento regionale.

Il fermo non viene applicato: nelle autostrade; nelle strade di interesse regionale R1; nei tratti di collegamento tra le autostrade e le strade R1 e gli svincoli delle stesse; nei tratti di collegamento ai parcheggi posti in corrispondenza delle stazioni periferiche dei mezzi pubblici o delle stazioni ferroviarie; nelle strade di penetrazione : Ex SS 10 Piacenza, viale Po, via della Ceramica, via Vecchia, via Riglio, piazzale Caduti del Lavoro, via Milano, via Castelleone, via Bergamo, via Boschetto (da via Cimitero fino alla Motorizzazione Civile), via Cimitero, via Brescia (fino all’imbocco della “tangenziale”), via Persico (fino all’incrocio con via dell’Annona), via Mantova, via Buoso da Dovara (tratto compreso fra via Postumia e via Ghisleri), via Giuseppina, via Casalmaggiore (fino all’imbocco della circonvallazione sudest), via Portinari del Po (limitatamente al tratto per raggiungere il piazzale Azzurri d’Italia); nelle strade di collegamento: via Eridano, via Monviso, via Seminario, via N. Sauro, via Zaist (“tangenziale”); viale Concordia, via Massarotti, via Ghinaglia, piazza Risorgimento, via Dante, viale Trento e Trieste, piazza della Libertà, via Ghisleri, via Novati, via del Giordano, piazzale Cadorna (cerchia delle vecchie mura); via Tavernazze (tratto compreso da Bosco ex Parmigiano a via Busada), via Campanella, via Busada (circonvallazione sudest); via dell’Annona.

Elenco dei parcheggi raggiungibili: piazzale Atleti Azzurri d’Italia; parcheggio via della Ceramica; autosilo via Massarotti; parcheggio Ex Tranvie via Dante; parcheggio piazzale della Croce Rossa; parcheggio Stadio Zini via dell’Annona; parcheggio Ospedale Maggiore Largo Priori.

Per accompagnare le nuove limitazioni della circolazione di veicoli che saranno introdotte nel 2015 e 2016 (estensioni delle limitazioni ad ulteriori zone del territorio regionale e limitazione della circolazione dei veicoli euro 3 diesel) dal 1° gennaio 2014 la Regione Lombardia ha esentato dal pagamento della tassa automobilistica alcune tipologie di veicoli. La misura prevede, in caso di acquisto nel 2014 di un veicolo nuovo e contestuale rottamazione di un veicolo inquinante, l’esenzione dal pagamento della tassa automobilistica regionale per gli anni 2014, 2015 e 2016.

©

© Riproduzione riservata
Commenti