4 Commenti

'Discontinuità e trasparenza', Poli lancia la sua proposta di Pd

pd poli-evid

In un clima di nervosismo che riflette le fibrillazioni nazionali del Pd, gli iscritti cremonesi si accingono a scegliere tra Roberto Galletti e Roberto Poli, come primo segretario cittadino dopo un anno di gestione collegiale dei presidenti dei circoli, di fatto una segreteria vacante. L’ultimo segretario a pieno titolo era stato Daniele Burgazzi, consigliere comunale all’epoca, esattamente il doppio ruolo che potrebbe rivestire, se eletto, Roberto Poli, il candidato a cui ha fatto allusione sabato scorso Franco Verdi durante la presentazione del contendente, Galletti. “In altre sensibilità ci sono altri impegni – ha detto Verdi tra l’altro –  che possono essere di tipo amministrativo. E’ da apprezzare il fatto che qui invece si dichiari di volersi dedicare al partito e basta”. Una frase che ha indispettito quella parte del Pd che sostiene Poli, come Caterina Ruggeri che ha fatto notare la sfilza di doppi e tripli incarichi di molti esponenti Pd, dal premier Matteo Renzi al segretario provinciale Matteo Piloni, fino al citato Burgazzi.

Intanto è partita la campagna elettorale dei due candidati per l’elezione del 16 novembre. Dopo la conferenza stampa di Galletti nella sede di via Ippocastani e pubblicazione del proprio documento politico, è la volta di Poli, che ha scritto una lettera aperta agli iscritti in vista delle assemblee dei circoli.  “Determinante – si legge in relazione alla scelta vincente della candidatura Galimberti – è stata la chiara volontà di discontinuità e novità rispetto al passato, in relazione allo stile, agli strumenti operativi, alla trasparenza e al rifiuto del compromesso come prassi politica”. Il rinnovamento viene invocato anche a proposito del concetto di trasparenza, con apertura anche al di fuori degli iscritti (“Un partito con una chiara e condivisa cornice di valori non si può logorare nelle sue dinamiche interne né nella difesa di rendite di posizione oligarchiche. Deve invece essere aperto a diversi livelli di partecipazione: livelli che sono gradualmente diversi per gli attivisti, per gli iscritti, per il “popolo delle primarie”, sino a tutti i semplici elettori).

Le date delle Assemblee dei Circoli: Circolo Duemiglia: mercoledì 5 novembre ore 17.30; Centro Anziani Pinoni Palazzo Duemiglia via Brescia 94; Circolo Cascinetto, venerdì 7 novembre ore 21; sede PD via Ippocastani – Circolo Ghilardotti: domenica 9 novembre ore 10; circolo Arci Signorini, via Castelleone 7, Circolo Cittanova: lunedì 10 novembre ore 18; Circolo Po: lunedì 10 novembre ore 20.45. Nei circoli si voterà dalle 8.30 alle 12.30, la Federazione rimarrà aperta nel pomeriggio.

LEGGI IL DOCUMENTO DI ROBERTO POLI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • pinco pallino

    ATTENZIONE al soccorso rosso……………….!!!!!???

  • Deo Fogliazza

    Domenica 16 novembre, per l’elezione del nuovo Segretario cittadino del PD di Cremona, si confrontano due persone entrambe capaci e con buone idee in testa. Sono due valide opportunità per un Partito chiamato a nuove prove, non facili né scontate.
    Tra le due, dopo aver letto i documenti di presentazione e aver valutato i relativi progetti politici, ho deciso di appoggiare e votare la candidatura di Roberto Poli.
    Ho conosciuto un giovane Roberto Poli nei primi anni ’90. Insieme ad altri amici, provenienti da diverse esperienze politiche, avevamo dato vita anche a Cremona ad “Alleanza Democratica”: un progetto che – letto alla luce di quanto poi accaduto – sembrava già presagire gli sviluppi dell’Ulivo e di quello che dovrà diventare poi, purtroppo con notevole ritardo, il nuovo Partito Democratico.
    Tra altre iniziative, nel 1999 sostenemmo il Referendum per l’abolizione della quota proporzionale, con l’obbiettivo di ottenere una legge elettorale completamente maggioritaria. Sfiorammo il quorum ma malauguratamente ci fermammo al 49,7% bucando per un nonnulla quello che avrebbe potuto davvero diventare un cambiamento profondo della politica italiana.
    Ci ritrovammo negli anni successivi – con alterne frequentazioni – nella ricca ed entusiasmante esperienza dell’Ulivo. Anche se in quel periodo Roberto dovette soprattutto privilegiare il proprio ruolo di Sindaco di Gadesco Pieve Delmona, svolto d’altra parte con
    eccellenti risultati.
    Insomma, posso dire di avere direttamente sperimentato, in Roberto Poli – unitamente ad una solida esperienza politico-amministrativa e ad una precisa puntualità nello svolgimento degli impegni assunti – una preferenza molto radicata all’apertura, all’innovazione ed alla
    trasparenza. Che considero qualità decisive per chi oggi è chiamato ad assumere incarichi di direzione politica nella nostra città.

    Deo Fogliazza

  • Gino Testi

    Talmente “eccellenti risultati” dall’aver consentito una lottizzazione selvaggia di tutta l’area circostante al Comune. E’ lì da vedere… Proprio un bell’esempio di efficienza amministrativa!

  • pinco pallino

    E dell’area vasta…ne avete sentito parlare………?????
    Si ritorna all’antico……….e resuscitano i trombati dalla vecchia amministrazione…a spese del popolo…………..????!!!
    Quo usque tandem…….abutere patientia nostra……………….!!!!