Commenta

Il fiume Po continua a salire: +0,60 L'Aipo avverte: "In arrivo ondata di piena che potrebbe raggiungere il livello di criticità 2". E' allerta per le aree golenali

piena-del-po

Foto Sessa

AGGIORNAMENTO – Continua a salire il livello del fiume Po, dopo aver superato lo zero idrometrico nel corso della mattinata di martedi 11 novembre. Il livello si è poi assestato a +0,75 metri ma l’ondata di piena, secondo l’Aipo, inizierà a partire dalla serata di martedì, con picchi che potrebbero raggiungere addirittura il secondo livello di criticità. Tanto più che il maltempo sembra non dare tregua e la pioggia, dopo qualche ora di pausa, ha ricominciato a scendere con forza. Desta in particolare preoccupazione la situazione del fiume Oglio, tra Gabbioneta e Ostiano, dove è collocato l’idrometro. La protezione civile è mobilitata e si stanno collocando sacchi di sabbia a ridosso dell’argine, a Binanuova.

“Mentre nei rami del Delta si va esaurendo la piena dei giorni scorsi, col ritorno dei livelli sotto le soglie di criticità, si sta verificando un nuovo evento di piena lungo l’asta del Po, che si svilupperà a partire dalla serata di martedì 11 novembre, sia nel tratto piemontese che in quello emiliano-lombardo, anche grazie ai contributi degli affluenti – fa sapere l’Arpa -. In base alle attuali previsioni meteo, si attesterà nelle prossime 24 ore su livelli di criticità ordinaria (livello 1) ma in seguito potrebbe superare il livello 2 (criticità moderata) nel tratto mediano”. Questo significa che diventa concreto il rischio che si allaghino le golene aperte. A questo proposito l’Aipo raccomanda “la massima prudenza in tutte le aree prospicienti il fiume e in generale in relazione a strutture o attività che possono essere interessate dalla piena”.

Anche la situazione degli affluenti emiliani e lombardi, interessati da significativi incrementi dei livelli, è stata e viene costantemente monitorata dal personale AIPo del servizio di piena centrale e degli uffici sul territorio, che proseguono nell’ azione di vigilanza sulle strutture di difesa idraulica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti