Commenta

Gruppo Arvedi: 'Verifiche su forno 2, un atto dovuto'

evid arvedi

Nella foto, l’Acciaieria Arvedi

L’Autorità giudiziaria è intervenuta al forno numero 2 all’Acciaieria Arvedi, dopo l’incendio nel cunicolo del forno delle scorse settimane, con un provvedimento che prevede verifiche sulle piene condizioni di sicurezza e agibilità prima della riattivazione. L’azienda spiega l’accaduto parlando di “atto dovuto” e fa sapere che “sta fornendo alle Autorità la propria totale collaborazione”.

Una nota sulla questione è stata diramata dal Gruppo Arvedi: “Il Gruppo Arvedi comunica che a seguito di un incendio di cavi elettrici nel cunicolo del forno n.2 verificatosi nelle scorse settimane nell’Acciaieria Arvedi che ha riguardato esclusivamente alcune componenti dell’impianto senza la minima ripercussione sulle persone presenti all’interno o nelle vicinanze dello stabilimento, l’Autorità giudiziaria di Cremona ha disposto quale atto dovuto, una verifica delle piene condizioni di agibilità e di rispetto della sicurezza del forno numero 2. Il forno n.1 prosegue regolarmente la propria attività così come l’area delle lavorazioni ‘a freddo'”.

“Il Gruppo, che ha fornito e sta fornendo alle Autorità la propria totale collaborazione, auspica – prosegue la nota – che le verifiche possano compiersi nel più breve tempo possibile, in modo da non dover pregiudicare la produzione e dunque il livello occupazionale dell’Acciaieria. Ricordando, altresì, che non solo si tratta del primo incidente di tale natura verificatosi in oltre quarant’anni di attività, ma che, dopo oltre un mese di fermata e di attenti e scrupolosi interventi, l’impianto è ripartito ormai da oltre una settimana, in piena sicurezza, con cavi completamente nuovi e con ulteriori miglioramenti realizzati nelle protezioni di sicurezza e nei presidi antincendio concertati con i Vigili del Fuoco a cui va il ringraziamento dell’Azienda per il pronto intervento e la fattiva collaborazione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Tags:

22 novembre

cremona

festa del torrone

rievocazione storica

sabato

I nostri utenti possono esprimere liberamente la propria opinione. Solo i commenti provenienti da utenti verificati andranno direttamente online. Ricordiamo che è necessario attenersi alla Policy di utilizzo di www.cremonaoggi.it, www.cremaoggi.it e www.oglioponews.it: evita gli insulti, le accuse senza fondamento, le volgarità e mantieniti nel tema della discussione insieme alle migliaia di persone che regolarmente ci seguono. La libertà d’espressione è una grande conquista, difendila con un uso appropriato del tuo diritto.

© Riproduzione riservata
Commenti