Commenta

Milanesi e bergamaschi i più numerosi alla festa del torrone, tra gli stranieri svizzeri e francesi

torrone-evid

foto Sessa

Sono stati soprattutto milanesi e bergamaschi gli estimatori della Festa del Torrone edizione 2014. 1642 visitatori dalla provincia di Milano e 1141 da quella di Bergamo: li ha contabilizzati l’ufficio turismo della Provincia di Cremona, lo Iat ex Apt che nell’ufficio al piano terra di palazzo Comunale, ha visto transitare nei nove giorni di durata della festa, oltre 15.500 persone per richiesta di informazioni. Altre province ben rappresentate sono quelle di Torino, Verona, Novara, Brescia, Varese, Como, tutte oltre le 500 presenze. Tra gli stranieri i più numerosi si sono rivelati gli svizzeri, con 65 passaggi all’ufficio turismo e i francesi con 62. Seguono i tedeschi, con 32 richieste di informazioni. Complessivamente, gli stranieri sono stati 223, mentre gli italiani 14.882.

Il maggior numero di richieste informazioni si è avuto proprio nella giornata conclusiva della manifestazione, il 23 novembre con 6.066 passaggi, mentre sabato 22 sono stati  ‘soltanto’ 1300. Nel primo week end di festa, sabato 15 novembre ci sono stati 2.849 passaggi e quasi 4.000 domenica 16. In maggioranza chi si è rivolto allo Iat è arrivato in pullman (77%, ovvero 10.193 persone e il 15% in autobus). Solo il 5% ha usato il treno. Ma il dato è parziale, perchè non tutti gli utenti Iat hanno risposto alla domanda sul mezzo di trasporto.

L’ASSESSORE REGIONALE CAPPELLINI – “Un  risultato  straordinario  che  certifica  Cremona  come un vero motore culturale,  turistico ed enogastronomico della Lombardia”. Così l’assessore alle Culture, Identità  e  Autonomie  di  Regione Lombardia,  Cristina Cappellini,  commenta i risultati della Festa del Torrone di Cremona che si è conclusa ieri.  “Sono davvero  orgogliosa  –  ha  detto  ancora l’esponente  della giunta lombarda  –  sia  da  assessore  alle  Culture  che  da rappresentante del territorio  per  aver dato, anche quest’anno, il giusto merito ad un evento che si è ormai affermato un evento di portata nazionale. Un grande successo che ho constatato di persona durante i giorni di festa”. “270.000  visitatori  – ha spiegato l’assessore Cappellini – con un aumento del  10%  rispetto  alla scorsa edizione che significa un record assoluto per la kermesse, con numeri importanti e in aumento anche per quel che  riguarda i relativi siti internet e profili social: dati che attestano quanto la Festa del Torrone sia assolutamente all’avanguardia”. “L’Ortolano di  Arcimboldo, ha  aggiunto il responsabile delle Culture lombarde , la  Liuteria e proprio il torrone sono i simboli che regaleranno al territorio cremonese la giusta attenzione a livello internazionale”. “Cremona – ha concluso l’assessore  Cappellini  – è  prontissima per il semestre dell’Esposizione Universale”.

1000 TURISTI A PALAZZO STANGA – Grande successo per l’apertura straordinaria del piano nobile di Palazzo Stanga Trecco in occasione dei due week-end della festa del Torrone: 1.015 turisti e cittadini hanno visitato il nobile edificio, inaugurato dalla Provincia di Cremona ufficialmente a marzo 2014 dopo i restauri che hanno interessato le coperture, gli ambienti del primo piano – in particolare l’appartamento di comodità degli Stanga – ed i locali della scuola al piano terra, realizzati con il contributo di Regione Lombardia e di Fondazione Cariplo. L’apertura voluta dalla Provincia di Cremona è resa possibile grazie ai Volontari del Patrimonio Culturale del Touring Club Italiano, ha così permesso al pubblico di fruire della bellezza artistica delle sale affrescate e degli spazi strutturali che esaltano gli archetipi di origine  rinascimentale. La positività di questa iniziativa mostra come alto sia l’interesse e la curiosità per i palazzi storici, valore aggiunto per il turismo non solo di prossimità, che ben si coniuga con la valorizzazione culturale e quella turistica e folcloristica, come la stessa festa del Torrone ha ben dimostrato.

SUCCESSO ANCHE PER LA VIABILITA’ CITTADINA – Secondo il Comune,  «la Festa del Torrone 2014 è stata un successo non solo in termini di presenze, ma anche dal punto di vista viabilistico. Le modifiche alla viabilità applicate quest’anno, unite alla presenza degli agenti della Polizia Locale, di numerosi volontari e di navette gratuite che hanno fatto la spola tra i parcheggi a corona ed il centro, hanno consentito alle migliaia di turisti e di cittadini cremonesi di godere appieno della festa.
Particolarmente apprezzata dai numerosissimi camperisti la navetta che dal piazzale Azzurri d’Italia effettuava la fermata in piazza Marconi. In merito alla sosta dei camper le tariffe sono rimaste invariate rispetto all’anno scorso: 20 euro per venerdì e sabato, 10 euro per chi è arrivato nella giornata di domenica. Il nuovo servizio gratuito aggiuntivo di trasporto da e per il centro ha riscosso generale apprezzamento ed è stato utilizzato.
Quest’anno inoltre è stata riservata particolare attenzione alle richieste dei residenti in centro storico mettendo a loro disposizione 60 posti in viale Trento e Trieste e 40 nel parcheggio Quartier Novo di via S. Maria in Betlem. Queste soluzioni hanno consentito di avere un’ampia zona pedonale (largo Boccaccino, via Guarneri del Gesù, via Verdi, Corso Vittorio Emanuele II, via Monteverdi, corso Mazzini e corso Matteotti, oltre alla piazze), molto gradita dai visitatori, che hanno potuto godere appieno delle bellezze di Cremona, degli spettacoli e delle bancarelle, senza doversi fare largo tra le automobili».
«Soddisfazione per la riuscita di questo sistema di viabilità viene manifestata dall’assessore Alessia Manfredini: “ E’ stato un grande successo, un’edizione positiva anche dal punto di vista della viabilità. La navetta con la fermata in piazza Marconi è piaciuta. Nel complesso mi sento di affermare che tutto è filato liscio. Sono un lontano ricordo le polemiche dello scorso anno. Per questa edizione abbiamo messo in campo una serie di correttivi (navette gratuite per il centro storico e parcheggi riservati ai residenti) che hanno dato, in linea di massima, i risultati attesi. Voglio complimentarmi con i cremonesi che hanno capito e apprezzato un centro storico pedonale. Infine, in vista delle prossime edizioni della Festa del Torrone e di altre manifestazioni, vedremo di confrontarci con i residenti per capire il basso utilizzo dei posti messi a loro disposizione, così da intervenire con ulteriori migliorie”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti