Commenta

Mostra 'dimezzata' e bike sharing inattivo Tapirulan e Comune si scusano col turista Ma affiche scomparse restano un mistero

comune.evid

Nella foto, Palazzo comunale

Dopo la figuraccia fatta da Cremona con il turista torinese che, recatosi a Cremona nei giorni della Festa del Torrone, aveva trovato un bike sharing non funzionante e una mostra solo a metà, arrivano le scuse sia da parte del Comune che da parte dell’associazione culturale Tapirulan, che aveva organizzato la mostra, e che si è trovata altrettanto spiazzata dall’assenza di oltre metà delle affissioni. “Proprio il giorno prima, sabato, mi ero recato a fotografare le affissioni, per averne documentazione – spiega Fabio Toninelli, dell’associazione -. Non le avevo fatte tutte, non pensando ve ne fosse necessità, ma ne ho fatte 35 su 43, ed erano presenti. Non capisco cosa possa essere successo, e come sia possibile che siano sparite tutte quelle opere. Ho chiesto anche spiegazioni al servizio affissioni del Comune, ma mi hanno garantito di avere coperto le immagini solo al lunedì”.

Insomma, la sparizione di circa mezza mostra del celebre illustratore Guasco, che doveva essere distribuita su vari cartelloni (quelli normalmente riservati alla pubblicità) sparsi per la città, resta un mistero. Che si siano staccati a causa delle abbondanti piogge del sabato? O che qualche fans sfegatato dell’artista le abbia staccate per tenersele? Forse una risposta non ci sarà mai. Ci sono però le scuse di Tapirulan al turista: “Lo abbiamo già contattato per scusarci, e gli regaleremo il catalogo della mostra. Inoltre lo abbiamo invitato, quale nostro ospite, alla mostra ‘Altan’, che verrà inaugurata il 6 dicembre. Credo che quando accadono cose di questo tipo non è tanto importante capire a chi attribuire la colpa, quanto che la città non si disinteressi di chi è venuto a Cremona per tornare a casa deluso”.

Scuse, come dicevamo, arrivano anche da parte del Comune di Cremona. “In merito alle critiche sul funzionamento del servizio di bike sharing espresse dal blogger venuto da Torino per la Festa del Torrone e riportate nel servizio pubblicato oggi, l’Amministrazione comunale si scusa innanzitutto con il turista – si legge in una nota inviata dall’amministrazione stessa -. Si tratta di una situazione purtroppo nota che, nelle condizioni date, non si è potuta risolvere in tempo rispetto all’evento svoltosi a Cremona nei giorni scorsi. D’altro canto, la rimodulazione del finanziamento regionale al progetto definitivo “Vivilacittà” (Bike sharing – Fase 2 – delibera di Giunta del 30 maggio 2013)  e tutte le conseguenze che ne ne sono derivate non aiutano nella gestione e nel rilancio di questo servizio.

E’ in corso una trattativa con Bicincittà srl di Torino perché, in perfetta sintonia con tale società, questa Amministrazione vuole rilanciare il servizio di bike sharing migliorandone la fruizione e, al contempo, renderlo più funzionale. Insieme a Bicincittà srl, società all’avanguardia in questo settore, si stanno studiando soluzioni innovative per una migliore conoscenza del servizio, per un suo utilizzo sempre più diffuso e, soprattutto, più facile da parte di chi arriva in città con altri mezzi, ricorrendo a quelle soluzioni che offrono oggi le tecnologie più avanzate: si sta infatti pensando ad un’app dedicata in modo che si possa usufruire del bike sharing ogni giorno e a qualunque ora”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti