Commenta

Dedicato alla famiglia il calendario 2015 dei Carabinieri

calendario-arma-evid

Foto: Sessa

Presentato nella tarda mattinata di mercoledì, alla presenza del tenente colonnello Cesare Mario Lenti, il calendario dell’Arma dei carabinieri 2015, che come ogni anno viene realizzato per ripercorrere la storia dell’Arma, affrontandone diversi aspetti. Tema di quest’anno – ha sottolineato il tenente colonnello Lenti – è la famiglia. “Per questa 82ª edizione del calendario, nato nel 1928, si prende spunto da fatti storici e da personaggi di rilievo che hanno fatto parte dell’Arma, per offrire uno spaccato storico meno tradizionale”.

Tante sono le realtà rappresentate, a partire dalla copertina, che raffigura la caserma Bergia, a Torino, che fu la sede del primo comando dell’Arma. “La prima tavola – continua Lenti – è invece l’immagine che ha vinto il concorso artistico indetto in occasione del centenario dell’Arma, e simboleggia il passaggio generazionale”. Tanti i temi che vengono affrontati nel calendario: dall’istituzione del matrimonio alla battaglia di Adua, da Salvo d’Acquisto ai carabinieri massacrati nelle Fosse Ardeatine. Una carrellata di storia che ripercorre momenti salienti della vita nell’Arma e soprattutto dei rapporti dei carabinieri con le proprie famiglie.

Le ultime tavole del calendario sono dedicate alla Signora Santuccia Beni, che, tra figli, nipoti, pronipoti e cugini, ha avuto 12 familiari nell’Arma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti