Commenta

Va a pregare per i suoi morti e trova uno sconosciuto nella sua tomba

cimitero-gombito-dentro1

Il cimitero di Gombito

GOMBITO – Che faccia avrà fatto la persona che, questa settimana andando al cimitero, ha trovato tra le tombe di famiglia un loculo occupato da uno sconosciuto? Di certo non bella, visto che l’interessato è andato difilato in comune per capire che fosse successo. E’ la storia capitata a Gombito qualche giorno fa. Muore un compaesano e i familiari provvedono ai funerali. Il loculo, ultima dimora, è stato già affittato da tempo e con il parroco don Marino in testa, il corteo arriva al cimitero dove alla bara viene data sepoltura. Ma qualche giorno dopo nel camposanto fa capolino un altro compaesano che si accorge, con stupore e poi rabbia, che qualcuno è stato seppellito nel loculo che lui aveva affittato per la sua famiglia nel 2007, pagando 2500 euro per una concessione di 49 anni. In comune, quando l’uomo ha fatto presente quel che stava succedendo, c’è stato imbarazzo. Immediate le verifiche e in beve si è scoperto che, causa alcune ristrutturazioni, i numeri che contraddistinguono tombe e loculi erano stato cambiati. Così nell’aprile del 2007 una tomba era stata venduta a una famiglie a qualche mese dopo la stessa tomba, contraddistinta però da un numero diverso, rivenduta a un’altra. Nessuno si era accorto di nulla fino al momento della tumulazione. “Stiamo provvedendo a un controllo generale del camposanto – dice il sindaco Massimo Caravaggio – perché vogliamo evitare altri errori simili. Quando tutto sarà sistemato, provvederemo a traslare la persona sistemata nel loculo sbagliato e ad assegnarle una tomba definitiva e certa. Non vorremmo mai sbagliare di nuovo e aggiungere confusione alla confusione. Naturalmente la mia amministrazione non c’entra nulla, ma farà di tutto per sistemare le cose. Anche se pensiamo ci vorrà un mese”. Quindi, il consiglio per gli abitanti di Gombito è quello di evitare di morire. Perché al momento al cimitero ci potrebbero essere solo posti in piedi.

Pier Giorgio Ruggeri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti