Commenta

Treno domenicale capoluoghi, un inizio per altre migliorie

treni-incontro

Nella foto, l’incontro di ottobre con l’assessore Cavalli in Regione

Il treno dei capoluoghi, fortemente richiesto dai sindaci di Cremona, Mantova e Lodi in occasione di Expo? E’ tecnicamente fattibile. Ad annunciarlo è il consigliere regionale Ncd, Carlo Malvezzi. “Ho ricevuto oggi la positiva notizia da parte dell’assessore alle Infrastrutture Alessandro Sorte che la richiesta dei sindaci di Cremona, Mantova e Lodi di poter disporre di un collegamento diretto tra i loro capoluoghi durante il periodo dell’Expo, é fattibile tecnicamente ed ha trovato la disponibilità di Trenord e di Regione Lombardia – evidenzia -. La proposta verrà sottoposta ai responsabili istituzionali dei diversi territori. Nel dettaglio si tratta di due corse aggiuntive rispetto alla programmazione ordinaria, che saranno garantite per i soli giorni festivi (ad eccezione di domenica 26 aprile) durante tutta la durata di Expo”. La prima corsa partirà da Mantova alle ore 8 con fermate a Cremona, Lodi e Rogoredo e arriverà a Milano Centrale alle ore 9.40. La seconda procederà in senso inverso, partendo da Milano Centrale alle ore 22, con fermate a Rogoredo, Lodi e Cremona, e arrivo previsto a Mantova per le 23.40.

“Si tratta – aggiunge l’esponente di Ncd – di una risposta concreta alle richieste avanzate dai territori e nello stesso tempo una scelta che tutela i tanti lavoratori pendolari che utilizzano quotidianamente il treno durante i giorni feriali, ai quali resta garantito l’attuale servizio in termini di orario e di fermate. L’accoglimento di questa istanza, che registro positivamente come atto di attenzione di Regione Lombardia verso il nostro territorio, non indebolisce la mia richiesta alla stessa Regione affinché il servizio ferroviario lombardo – ed in particolare quello relativo alle tratte cremonese e cremasca – sia sempre più adeguato e all’altezza della prima regione in Italia”.

Commenti positivi anche dal sindaco Gianluca Galimberti e dall’assessore al Territorio e alla Salute Alessia Manfredini. “E’ la prova che si possono studiare nuove tracce e nuovi orari. Ora migliorie anche durante la settimana”. Immediatamente dopo il suo insediamento, il sindaco del Comune di Cremona ha promosso diversi incontri sulle problematiche ferroviarie con i sindaci dei comuni di Mantova, Lodi, Brescia e Piacenza. Per quanto riguarda la linea Mantova-Cremona-Milano, dagli incontri con il sindaco di Mantova Nicola Sodano e il sindaco di Lodi Simone Uggetti è emersa una forte convergenza politica rispetto alla proposta di un treno veloce dei capoluoghi: ogni giorno una corsa al mattino e una alla sera con fermate Mantova, Piadena, Cremona, Lodi e Milano. Il 17 ottobre, l’incontro in Regione con l’allora Assessore regionale alle Infrastrutture e alla Mobilità Alberto Cavalli. Al tavolo, Assessore e tecnici hanno manifestato la disponibilità ad una verifica della fattibilità del treno dei capoluoghi nel weekend. Oggi la notizia positiva.

“Esprimiamo soddisfazione – la dichiarazione di sindaco e assessore – L’anno prossimo, con Expo, migliaia di persone arriveranno a Milano e un collegamento in più rappresenta sicuramente un elemento positivo per il nostro territorio che si sta spendendo molto per l’occasione. Inoltre, è un primo passo per dare avvio allo studio di nuove tracce migliorative del servizio anche dal lunedì al venerdì. Non bisogna dimenticare, infatti, che l’obiettivo è sempre quello di migliorare il servizio e la vita delle migliaia di pendolari cremonesi che quotidianamente si recano a Milano per studio o lavoro”. La notizia sarà oggetto di approfondimento sabato 20 dicembre alle ore 9 a Spazio Comune durante l’incontro con pendolari e ferrovieri alla presenza dell’Assessore Alessia Manfredini, del Presidente della Provincia Carlo Vezzini, dei consiglieri regionali Carlo Malvezzi e Agostino Alloni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti