4 Commenti

Massimo Siboni presidente di Aem. Galimberti: 'Controllo su tutte le partecipate'

03Nuovo-CdA+Sindaco-evid

In alto il nuovo Cda di Aem. A lato Massimo Siboni

E’ Massimo Siboni il nuovo presidente di Aem Cremona, che subentra allo storico presidente Franco Albertoni. Nel nuovo consiglio di amministrazione, insieme a lui, l’ex assessore provinciale Fiorella Lazzari, l’avvocato Ada Ficarelli, Roberto Mazzini, e Francesco Sanfelici.

“Alla nomina del nuovo Cda seguirà un periodo di passaggio di consegne tra il vecchio e il nuovo Cda – spiega il sindaco Gianluca Galimberti -. In questa fase, fino all’approvazione del bilancio, Albertoni resterà a capo di Aem Service e di Cremona Parcheggi”. Il primo cittadino ha evidenziato l’importanza strategica della municipalizzata, “in un momento storico in cui si dovranno affrontare sfide importanti. Siamo tra i soci principali della Holding Lgh, che dovrà presto affrontare un riassetto societario. Ci sono poi le partite del riassetto futuro di Aem Service e di Cremona Parcheggi, quella del rapporto con Km per la ridefinizione del trasporto pubblico locale. E non dimentichiamo la partita di Centropadane”. Insomma, l’amministrazione comunale vuole esserci in tutte le questioni salienti: “Questa amministrazione ha la piena volontà di esercitare il ruolo che per legge le compete, ossia l’indirizzo e il controllo delle sue partecipate” sottolinea Galimberti.

Il sindaco ha delineato il percorso compiuto: in maggioranza sono stati condivisi i criteri, il 4 novembre sono state avviate le procedure, il 24 novembre sono scaduti i termini per la presentazione del curriculum che sono stati condivisi in maggioranza. In seguito, il sindaco, per quanto riguarda la figura del presidente, ha avviato numerosi colloqui al termine dei quali ha formalizzato le nomine.

Focus anche sui criteri utilizzati per la scelta dei Cda. “Come per Cremona Solidale e Fondazione Città di Cremona – ha detto il sindaco in conferenza stampa – abbiamo adottato tre criteri: valutazione dei curriculum, competenze in relazione agli obiettivi dell’ente, condivisione in coalizione che ha la responsabilità della formazione della nuova classe dirigente”.
Per il Consiglio di Amministrazione di Aem, sono stati presentati 59 curriculum di cui 15 da consiglieri comunali (41 uomini e 18 donne).

“Ringrazio il sindaco che mi ha dato questa opportunità – ha dichiarato il presidente in pectore Siboni – Vi assicuro la mia massima disponibilità che si tradurrà in un impegno a tempo pieno. Condivido le parole del sindaco sulle indicazioni strategiche da parte dell’Amministrazione. Da noi ci sarà la massima collaborazione nel seguire le direttive che l’Amministrazione ci darà. Sarà un anno duro, ma siamo qui per questo”.

IL CDA

Il nuovo presidente è Massimo Siboni, 58 anni, laureato in Matematica, Amministratore Operativo 2Emme srl (azienda specializzata nella consulenza aziendale) e Consigliere delegato Sibemed srl (azienda di fabbricazione di Medical Devices) con funzione di responsabile Amministrazione, Finanza e Controllo, Qualità e Personale con un’ampia esperienza nella Pianificazione e Risorse, nelle tecnologie informatiche e sviluppo delle reti. Tra le professioni svolte anche quella di Direttore Sistemi & Telecomunicazioni al Comune di Genova. “Un curriculum importante – ha detto il sindaco – Siamo stati convinti dalle sue skills che sono anche di rapporto con la pubblica amministrazione. Il lavoro che Siboni assume è grande e io e noi gli siamo grati”.
Nel Cda come consiglieri: Ada Ficarelli, 54 anni avvocato, per 6 anni ViceProcuratore Onorario a Cremona, per 3 anni consulenze a favore del Servizi Sociali del Comune, nel mandato amministrativo 2009-2014 ha ricoperto la funzione di Presidente del Comitato dei Garanti del Comune di Cremona. “Avevamo bisogno di competenze legali e l’investimento in Ada Ficarelli va in questa direzione”, ha commentato il sindaco.
Fiorella Lazzari, 65 anni, già Assessore ad Ambiente, Territorio, Viabilità, Trasporti, Protezione Civile e Turismo della Provincia di Cremona nelle varie tornate amministrative dal 1991 al 2009. “La signora Lazzari – ha detto il sindaco – porta la sensibilità politica di cui abbiamo bisogno. Questa sensibilità politica si sposa con una responsabilità amministrativa esercitati in ambiti che riguardano il lavoro della nostra partecipata”.
Roberto Mazzini, 66 anni, è presidente di Milanodepur Spa con Siba spa (Veolia), consigliere di amministrazione in altre due società di cui Siba è azionista, membro italiano della Commissione europea Eureau-2 waste water nominato da Federutility, con esperienze in qualità di Project Engineer e project manager di progettazione e realizzazione di impianti di trattamento acque di scarico in Italia (depuratore di Torino) e all’estero (Iran, Libia, Indonesia). “Abbiamo bisogno di una visione strategica nel mondo delle utility – ha dichiarato il sindaco – Inoltre Mazzini ha partecipato alla costruzione dell’impianto di Nosedo e questa è un’esperienza altamente qualificante”.
Francesco Sanfelici, 54 anni, dirigente industriale presso un’industria multinazionale italiana leader europea nel comparto alimentare con esperienze in multinazionali americana, francese e svizzera in ambito alimentare, edile e della lavorazione di alimenti. “Avevamo bisogno di un’altra competenza tecnico ingegneristica legata all’impiantistica”, ha spiegato il sindaco.
Per il Collegio Sindacale, 42 i curriculum presentati di cui 5 da consiglieri comunali (31 uomini e 11 donne).

IL COLLEGIO DEI SINDACI

Individuati come sindaci effettivi Enzo Coratella, 54 anni Commercialista, Andrea Bignami, 45 anni Commercialista, già nei Revisori dei Conti, ed Elisabetta Pasquali, 47 anni Commercialista.
“Con molta serenità ho accettato di venire a questa conferenza stampa – le parole del presidente uscente Franco Albertoni – Era chiaro che il mio percorso fosse ultimato. Da parte mia, lo spirito di servizio è sempre stato quello verso la città. Oggi giustamente c’è un ricambio. Ho dato piena disponibilità affinché il trasferimento sia il più fruttuoso possibile. Auguro al nuovo Presidente Siboni e al nuovo Cda un buon lavoro”.

lb

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • elia sciacca

    auguri al nuovo ….. si fa per dire Cda

    • pinco pallino

      e quello di prima che Cd era……………………….?????

  • Guest

    Secondo me come al solito si sono presi gli amici, gli amici di partito, gli amici degli amici, gli amici degli amici di partito ecc.altro che chiacchiere!

    • pinco pallino

      infatti quelli di prima ….passavano solo da quelle parti………..!!!