Commenta

In corso Campi apre Idexé; mercatini tematici, proposte entro il 13 febbraio

commercio-evid

Nel desolato panorama commerciale di Cremona, è il marchio Idexé a scommettere su un nuovo punto vendita, nell’ex Sisley, ex Abelli di corso Campi. Nel locale, che era vuoto da qualche mese, troveranno spazio abbigliamento e accessori per la fascia d’età o – 14 anni. Il marchio, italiano, è nato nell’aprile 2000 con l’apertura del primo punto vendita presso un centro commerciale e oggi conta 184 punti vendita tra diretti e franchising e con 36 punti vendita aperti all’estero. I lavori di adeguamento locali stanno per iniziare, mentre sono già avviati quelli nell’ex Playlife, sempre in corso Campi, dove si trasferirà Tezenis.

MERCATINI TEMATICI ADDIO  – Altra novità che vedrà la luce nei prossimi mesi è legata invece alla manifestazione di interesse bandita dal Comune per  dire addio ai mercatini tematici domenicali che da diverso tempo venivano criticate dal punto di vista estetico e delle merceologie. Il bando con tutte le indicazione è stato pubblicato il 26 gennaio e c’è pochissimo tempo per presentare proposte, il 13 febbraio. “Il Comune di Cremona – si legge nel bando –  intende promuovere una ricerca conoscitiva per verificare la volontà di soggetti privati interessati ad organizzare iniziative che sappiano coniugare aspetti commerciali, culturali, sociali e di intrattenimento da svolgere in piazze e vie del centro storico e della periferia durante il 2015 nell’ambito del progetto denominato “le 4 stagioni di Cremona”. 
Per l’anno in corso, al fine di valorizzare il tessuto urbano o particolari porzioni del territorio, l’Amministrazione Comunale propone di articolare una nuova offerta di iniziative a tema, animando le aree del territorio interessate attraverso iniziative ed eventi che comprendano congiuntamente l’aspetto commerciale, culturale, sociale e di intrattenimento, puntando soprattutto alle eccellenze della città”.

I filoni tematici sono: AGROALIMENTARE – ENOGASTRONOMIA per valorizzare e promuovere la conoscenza delle produzioni di qualità locali – prodotti a marchio e biologici. MUSICA per sviluppare e promuovere uno o più eventi legati alla tradizione musicale locale con riferimento a Cremona città della musica e della liuteria. LETTERATURA – EDITORIA per promuovere e sviluppare l’editoria e la letteratura, nonché le librerie, a partire dalla locale  festa del libro. ARTIGIANATO: per sviluppare e promuovere iniziative a favore dell’ Artigianato, Collezionismo e Antiquariato, valorizzando le produzioni di eccellenza, sia sul mercato locale che su quello extra cittadino. BARATTO E NON SOLO per sviluppare e promuovere eventi dedicati al riutilizzo degli oggetti ed evitare lo spreco di materie prime e di energia. “Tali aree tematiche dovranno porre particolare attenzione alle iniziative rivolte alla famiglia per sviluppare e promuovere tutte le progettualità che possono essere indirizzate alle famiglie con attenzione al mondo dei bambini. In particolare per ciò che riguarda iniziative ed attività collaterali si valuteranno positivamente proposte di coinvolgimento del commercio locale e delle attività in sede fissa”.

Il bando è rivolto ad operatori singoli o associati, associazioni, imprese e cooperative; i luoghi coinvolti non sono solo le solite piazza Stradivari e piazza Roma, ma anche  i corsi, le vie e i principali luoghi di aggregazione del centro storico oltre a zone ed aree urbane delle periferie e dei quartieri cittadini. Saranno valorizzati i progetti di maggiore  qualità estetica e che prevedono la promozione e la diffusione capillare delle iniziative “con forme di pubblicità innovative anche fuori dal nostro territorio. 
Nel progetto dovrà essere dato particolare risalto agli aspetti di animazione del contesto urbano e del coinvolgimento delle attività in sede fissa”.

Le risorse che il Comune metterà a disposizione degli organizzatori sono: gratuità delle aree in concessione temporanea; patrocinio e collaborazione che preveda anche la diffusione sui canali di informazione istituzionali; gratuità di timbrature ed affissioni per la promozione dell’evento. A carico degli organizzatori saranno i costi relativi alle attrezzature ed ai servizi per gli allestimenti (facchinaggio e service) oltre i consumi ed allacci alle utenze necessarie e tutto quanto non già proposto dall’Amministrazione Comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti