Un commento

Frattura nel Pd Burgazzi: 'Porta aperta ma dialogo complicato'

sede-pd-evid

Il passaggio dei due ‘dissidenti’ del Pd Renato Fiamma e Carla Chiappani al Gruppo Misto è stato formalizzato nell’Ufficio di presidenza e dal prossimo consiglio comunale i due consiglieri in rotta di collisione col resto del gruppo e con la segreteria siederanno vicino ad Alessio Zanardi e Marcello Ventura. Oggi il Pd si riunirà per ridistribuire i componenti delle commissioni: il gruppo da 14 si riduce a 12 ed è quindi necessario un aggiustamento.

L’incontro svoltosi ieri pomeriggio presso la sede del Pd ha visto la partecipazione dello stesso Fiamma (assente Chiappani per motivi personali), di Luca Burgazzi, Francesca Pontiggia, Luigi Lipara. “Non si può pensare – afferma Burgazzi –   di fare un gruppo alternativo al Pd usando il nome del segretario. Così facendo ci si chiama fuori. Se veramente, come dichiarato da Fiamma, c’è l’esigenza di confrontarsi sui problemi, va bene, la porta resta aperta, ma il percorso è evidentemente un po’ complicato visto che i due consiglieri si sono chiamati fuori di propria volontà”. C’è poi la stranezza di due consiglieri che si dichiarano non ascoltati dalla leadership cittadina, quella rappresentata dal segretario Roberto Galletti, che loro stessi hanno contribuito ad eleggere, iscrivendosi al Pd poco prima delle elezioni che avevano visto la contrapposizione con Roberto Poli (sostenuto da Burgazzi).

Nel resto del centrosinistra c’è poi la preoccupazione di sapere chi, senza comparire, muova le azioni di Renato Fiamma e Carla Chiappani, neofiti della politica cittadina. E la domanda inespressa: cosa chiedono in cambio della non belligeranza in consiglio comunale? Le nomine in Aem, Fondazione Città di Cremona e Cremona Solidale, soprattutto le prime due, ormai sono andate. E comunque, assicura Burgazzi, “la logica del ricatto, sarebbe assolutamente da escludere”. Primo banco di prova per vedere la tenuta del centrosinistra sarà probabilmente il prossimo consiglio comunale, quando è in programma la discussione sulla mozione a firma Fiamma, Chiappani e Santo Canale sul poligono di tiro. I consiglieri chiedono un impegno del Comune a sostenere  il Coni e il Tiro a segno nazionale per un progetto da centinaia di milioni per ampliare il poligono cremonese e renderlo idoneo a gare internazionali. Una mozione che in pochi nel resto del Pd hanno condiviso, ma che troverà l’appoggio di Marcello Ventura, nel Misto come Fratelli d’Italia, che sta portando avanti il progetto da quando era consigliere delegato allo sport nell’amministrazione Perri.

L’incontro dei renziani convocato nel pomeriggio di martedi 3 marzo non ha portato ad un rientro dei due dissidenti nel gruppo Pd, anche se sembra che la frattura possa in qualche modo ricomporsi. “I toni sono stati pacati – ha dichiarato Fiamma – con l’invito di alcuni dei presenti a rientrare nel gruppo per cominciare a spostare l’attenzione sulle tematiche che più interessano i cittadini. Sicuramente – continua il consigliere –  tutti i renziani di Cremona hanno come obiettivo il riformismo e l’innovazione e quindi lo sviluppo e la crescita di Cremona. Chiappani ed io agiremo all’interno di questo percorso ma in piena autonomia e senza il vincolo di struttura”. Quindi nessuna marcia indietro e riconferma di un disagio a rimanere nel gruppo di provenienza. La riunione era stata convocata da Burgazzi prima che scoppiasse il caso, e l’ordine del giorno diffuso via mail prevedeva comunicazioni sulla consultazione regionale (quella svoltasi il 1 marzo per il tesseramento) e la presentazione della prima iniziativa di circolo tematico. Un invito che, ironia della sorte, era giunto allo stesso Fiamma poche ore prima che questi annunciasse la costituzione del gruppo svincolato dal Pd ufficiale, nella mattinata di lunedì 23.  Inizialmente il gruppo avrebbe dovuto essere composto da tre componenti, poi ridottisi a due e quindi è stato giocoforza per i due consiglieri entrare nel Misto.

g.b.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • pinco pallino

    caro luca…..il Pd è sempre complicato…………..a cremona…………..meno da altre parti.!!
    nel frattempo ci puoi anticipare se ci sarà ancora “lo spettacolo” delle miss a cremona…….??????