Commenta

Osservatorio Tamoil, prima riunione giovedì 26 marzo

tamoil-evi

Si torna a parlare della dismissione della raffineria, delle tempistiche, della bonifica: l’appuntamento è per giovedì 26 marzo (ore 17.30 in Sala Quadri) con la prima riunione del ricostituito Osservatorio Tamoil. All’ordine del giorno i seguenti punti: tempistica dell’attività di dismissione degli impianti di raffineria; M.I.S.O. del sito: aggiornamenti in merito all’iter amministrativo e all’attività della barriera idraulica di contenimento; aggiornamenti in merito al progetto di riqualifica delle aree esterne ed attività di monitoraggio.

L’osservatorio ovviamente è cambiato, con la nuova amministrazione, che ne ha rivisto la composizione e il ruolo, “per coinvolgere in modo attivo i portatori di interesse e acquisire utili contributi, così da renderlo più funzionale ed efficace”. Tra i membri, oltre il Comune, all’azienda e agli enti di controllo, vi sono i Comitati di quartiere e i portatori di interesse.

E’ stata inoltre decisa l’apertura al pubblico delle sedute, che si terranno con periodicità semestrali, e la comunicazione attiva delle stesse attraverso la pubblicazione dei verbali sul sito del Comune.

I COMPONENTI

Come da decreto del Sindaco, fanno parte dell’Osservatorio Tamoil Alessia Manfredini, assessore al Territorio e alla Salute, presidente, Barbara Manfredini, assessore alla Città Vivibile e alla Rigenerazione Urbana, Rosita Viola, assessore alla Trasparenza e alla Vivibilità Sociale, un funzionario designato, di volta in volta, dal Prefetto della provincia di Cremona,  presidente e vice presidente della Commissione consiliare comunale Ambiente e Salute, Enrico Gllberti, rappresentante di Tamoil Raffinazione S.p.A., Aldo Lancia, rappresentante Tamoil Raffinazione S.p.A., Luigi Iengo, in rappresentanza del Circolo Vedoverde di Cremona, Ezio Corradi,  in rappresentanza del Coordinamento Comitati Ambientalisti Lombardia, Maurilio Segalini, presidente della Società Canottieri “Leonida Bissolati” di Cremona, Alberto Superti, presidente della Società Canottieri “Flora” di Cremona, un rappresentante della famigiia Manzia (famiglia proprietaria di un’area esterna alla Raffineria),  Arnaldo Bessi, indicato in sua vece da Maria Luigia Bernuzzi, presidente del Quartiere 10 (Po – Parco – Canottieri – Trebbia), Domenico Palmieri, segretario generale Cgil – Camera del Lavoro Territoriale di Cremona, Giuseppe Demaria, segretario generale Ust – Asse del Po, Giuliano Mino Grossi, segretario generale Cst – Uil Cremona (tutti nella veste di membri), Marco Pagliarini, direttore del Settore Lavori Pubblici, Mobilita Urbana e Ambiente, Cinzia Vuoto, responsabile del Servizio Ambiente ed Ecologia del Comune di Cremona, Andrea Azzoni, dirigente del Settore Agricoltura e Ambiente della Provincia di Cremona, un funzionario designato dalla Direzione Generale Ambiente – Energia e Sviluppo Sostenibile della Regione Lombardia, Liana Boldori, direttore del Dipartimento di Prevenzione Medica dell’A.S.L. della provincia di Cremona, Fiorenzo Songini, direttore dei Dipartimenti Arpa di Cremona e Bergamo, Filippo Fiorello,  Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Cremona (tutti membri della segreteria tecnica dell’Osservatorio). Sono invitati alle sedute dell’Osservatorio Tamoil i componenti della Commissione consiliare comunale Ambiente, i consiglieri comunali, i rappresentanti delle altre Società Canottieri, i parlamentari e i consiglieri regionali del territorio in carica.

 

© Riproduzione riservata
Commenti