Commenta

Venerdì 1° maggio apertura straordinaria per Musei Civici e MdV

museo1

Il 1° maggio, in occasione dell’apertura ufficiale di Expo 2015, apertura straordinaria dei Musei Civici per sottolineare, anche in questo modo, l’attenzione che il Comune di Cremona, attraverso il suo patrimonio artistico e culturale, riserva ad un evento di così grande importanza come quello rappresentato dall’Esposizione universale di Milano.

Per la stessa ragione apertura straordinaria anche per il Museo del Violino, che “invita alla scoperta delle sue collezioni dalle 10 alle 18”, ma “sarà inoltre possibile assistere alle audizioni con strumenti delle collezioni storiche nell’auditorium Giovanni Arvedi: venerdì e sabato alle 12 e domenica alle 16 i riflettori si accenderanno su Giuseppe Guarneri del Gesù e sul violino Stauffer, 1734, suonato da Anastasiya Petryshak”.

Con l’apertura straordinaria prende il via un fitto programma di iniziative per tutte le età  promosso dal Museo Civico di Storia Naturale. Anteprima il 1° maggio, dalle 15,30 alle 17,30, con la mostra Colori e forme in natura: la biodiversità nel nostro territorio, argomento non scelto a caso: tra i temi di Expo 2015 vi è infatti anche la biodiversità  e l’importanza della sua salvaguardia. Spesso conosciamo territori lontani ma non quello in cui viviamo anche se, in questi ultimi anni, è cresciuta la consapevolezza che questo patrimonio debba essere conservato e tutelato. Ma il primo passo verso la tutela è la conoscenza. Antonio Barisani, Luigi Gibellini e Mino Piccolo, fotografi apprezzati e appassionati del mondo della natura, da trent’anni portano avanti con passione la grande avventura di ricerca di particolarità naturalistiche da trasporre in fotografia e le loro immagini descrivono, meglio di ogni parola, i colori e le forme che caratterizzano la biodiversità nel nostro territorio. L’avifauna e l’ambiente padano, con le sue molteplici specie, sono i protagonisti indiscussi dei loro scatti fotografici, scatti conquistati con la pazienza delle lunghe attese e degli assidui appostamenti. Un’esposizione che rappresenta un ideale omaggio ad Antonio Bozzetti, referente cremonese per la Lipu, che, con la sua passione, ha per tanti anni contribuito alla conoscenza e salvaguardia del nostro territorio. La mostra è realizzata con il sostegno de i Rotary per il Po, Officine Gorini di Castelleone e Tipolitografia Fantigrafica.

Spazio quindi ai laboratori. Sabato 2 maggio, dalle ore 15,30 alle ore 17, UnPoStorto – La cura, domenica 3 maggio, dalle ore 15,30 alle ore 17, UnPoStorto – La stagionalità. UnPoStorto è un’iniziativa che si inserisce all’interno del progetto Cultura a Cremona 2015 promosso dal Comune di Cremona. Cogliendo l’opportunità offerta da Expo 2015 sul tema “Nutrire il pianeta”, Vave (Associazione spontanea di giovani, ovvero V. Vera Lazzarini – A. Alessandro Ferrari, V. Valentina Puerari, E. Elisabetta Ogadri) propone laboratori volti a sensibilizzare le nuove generazioni sulla diffusione di buone pratiche attraverso la creazione di piccoli orti domestici e in luoghi pubblici. Nel cortile del Museo Civico di Storia Naturale sono state allestite postazioni mobili dove saranno seminati diversi ortaggi con la possibilità di creare il proprio piccolo orto da portare a casa in contenitori realizzati con materiali di riciclo. Il tutto accompagnato da laboratori creativi dedicati a quattro tematiche principali: la semina, la cura, la stagionalità e l’ultimo, che si terrà in occasione della Notte dei musei, sul cibo. In contemporanea è prevista una animazione alla lettura a cura del Cilp (Centro internazionale del libro parlato). Il gruppo di coordinamento cremonese, del quale fanno parte 25 volontari (donatori di voce), coopera attivamente con il CILP  in vari ambiti, ma si propone anche in altri progetti che realizza con le scuole per maturare, fin dall’infanzia, atteggiamenti d’ascolto e favorire in un clima sereno l’apprendimento, imparare la solidarietà, condividere esperienze positive utilizzando forme di lettura diverse. Un ringraziamento ai donatori di vocei: Luisa Arli, Donato Galli, Monica Lampugnani, Emi Mori, Eliana Piazzi, Chiara Tambani e ai loro coordinatori Clara Molaschi, Stefano Rambaldi, Elena Spelta.

Altra iniziativa domenica 3 maggio alle ore 10.30. Si terrà l’ultimo appuntamento relativo al progetto Videoteca del fiume promosso dal Museo di Storia Naturale e dal gruppo dei Rotary Club Cremona, Cremona Po, Cremona Monteverdi, Casalmaggiore-Viadana-Sabbioneta, Casalmaggiore-Oglio-Po, Piadena-Oglio-Chiese e Soresina (Distretto 2050°) (riuniti sotto la sigla I Rotary per il Po)  nel quale vengono presentati, di volta in volta, filmati, documentari, spezzoni di film nei quali il fiume è – in varia misura –  protagonista, con l’obiettivo di rafforzare i vincoli che legano Cremona e le città rivierasche ai nostri fiumi. Sarà proiettato il video Il gruccione di Filippo Bertoli – Parco Adda Sud in collaborazione con l’Azienda faunistica Il Mortone e Provincia di Cremona. A seguire apertura ufficiale della mostra Colori e forme in natura: la biodiversità nel nostro territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti