Commenta

Nuovo Piano rifiuti: un Centro di riutilizzo all'ex Mercato Ortofrutticolo

differenziata

La Giunta lancia il ‘Centro del Riutilizzo della città di Cremona’ presso l’ex Mercato Ortofrutticolo, in accordo con l’attuale proprietario, Aem Cremona Spa. Per il progetto approvato (del costo di 70.216 euro) viene richiesto un contributo alla Regione di 49.151 euro grazie alla partecipazione ad un apposito bando.

Il nuovo piano dei rifiuti urbani prevede, nella stessa area, anche una piazzola ecologica attrezzata in modo tale da creare una sinergia che consentirà ai cittadini di decidere e collocare opportunamente gli oggetti riutilizzabili e quelli a fine vita. In un’ottica di solidarietà, la gestione del centro verrà preferibilmente affidata ad associazioni o cooperative sociali. “Un progetto che si sposa in modo ottimale con il nuovo modello di porta a porta che vedrà l’eliminazione di campane e cassonetti dell’indifferenziata” fanno sapere dalla Giunta.

In Giunta anche le modifiche al regolamento per i servizi di nettezza urbana, alla luce dell’estensione a tutto il territorio comunale del sistema di raccolta differenziata porta a porta. “Particolare attenzione è posta al decoro cittadino ed in tal senso sono previsti obblighi per chi usufruisce del suolo pubblico in occasione di manifestazioni di forte richiamo, di spettacoli viaggianti, delle stesse aree mercatali – spiegano ancora dall’amministrazione -. Sempre nell’ottica di una riduzione della produzione dei rifiuti, si chiederà agli organizzatori delle manifestazioni di adottare misure sostenibili dal punto di vista ambientali, quali l’utilizzo di stoviglie e contenitori riciclabili e riutilizzabili e di attuare il sistema di raccolta differenziata”.

Saranno coinvolte figure nuove, quali gli agenti ambientali che, insieme a guardie ecologiche volontarie e agenti della Polizia Locale, attueranno un’azione di controllo e sensibilizzazione della cittadinanza verso atteggiamenti virtuosi e consoni alla tutela del decoro della città. Le modifiche al regolamento, dopo l’approvazione in Giunta, passano ora alla competente commissione consiliare, per approdare poi in Consiglio al quale spetta l’approvazione definitiva.

Continuano, intanto, gli approfondimenti sul Piano Economico Finanziario e le elaborazioni delle tariffe della Tari per l’anno 2015 che, anche accogliendo le linee guida approvate dal Consiglio comunale lo scorso 9 marzo e dopo le opportune condivisioni anche nelle commissioni preposte, verrà approvato con attente considerazioni sui costi, sull’equità dell’applicazione, sull’efficienza ed efficacia del sistema, in modo da diminuire il costo complessivo del servizio rispetto al 2014.

Il nuovo modello di raccolta sarà oggetto di un’informativa nella Commissione Ambiente, Salute, Mobilità e Beni Comuni, presieduta da Francesca Pontiggia, in programma venerdì 8 maggio alle ore 17.30. Entro fine mese è infine prevista anche la convocazione della prima riunione dell’Osservatorio Rifiuti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti