Commenta

La tecnologia Esp di Arvedi è entrata in funzione anche in Cina

La tecnologia di Arvedi esportata anche in Cina. E’ infatti entrata in funzione la prima linea di produzione di nastri di acciaio “a caldo” dotata della Tecnologia Arvedi Esp, presso l’acciaieria della società Rizhao Steel Holding Group Co. Ltd, a Rizhao (Cina) importante città portuale della costa orientale nella provincia dello Shandong. Rizhao è stata sede olimpica durante le Olimpiadi di Pechino del 2008.

L’acciaieria Rizhao ha una capacità produttiva attuale di 14 milioni di tonnellate di acciaio (coils di laminati piani ma anche travi e prodotti lunghi) ed occupa ben 18.000 dipendenti. La Linea ESP 1 di Rizhao è la prima di 3 linee con la tecnologia Arvedi ESP e con main contractor Primetals Technologies, per la produzione di nastri sottili larghi fino a 1600 mm e di spessore inferiore a 1,0 mm, che aggiungeranno in totale ulteriore capacità produttiva per 6 milioni di tonnellate.

Con le sue 20 milioni di tonnellate l’acciaieria di Rizhao diverrà quindi uno dei principali siti produttivi al mondo. Primetals Tecnologies, licenziatario della Tecnologia Arvedi ESP, è una joint venture recentemente costituita tra il gigante giapponese Mitsubishi Heavy Industries e Siemens-VAI, la società operante nel settore siderurgico dislocata tra Germania ed Austria di proprietà del colosso Siemens.

Nell’anno 2014, personale di Rizhao Steel (70 persone circa tra dirigenti, tecnici ed operatori) è stato formato presso l’ Acciaieria di Cremona attraverso un training esteso della durata di 6 mesi coordinato da Luciano Manini insieme e da un gruppo di tecnici di notevole esperienza (Amilcare Bosi, Ivano Bosi, Benvenuto Ferri, Gaetano Merlini, Luigi Romagnoli) oltre al team di specialisti della produzione e della manutenzione (Piero Dragoni, Roberto Magni, Roberto Gosi, Daniele Cavina, Alessandro Dester, Diego Tosi).

Per il progetto Rizhao, gestito dall’ingegner Claudio Milo e dall’ingegner Daniele Napolitano, Acciaieria Arvedi ha fornito macchinari a tecnologia proprietaria come il Forno ad Induzione, fondamentali per il funzionamento delle Linee ESP, ma si sta anche impegnando con proprio personale in Cina con un servizio di supervisione alla messa in servizio e di assistenza all’avviamento in produzione in affiancamento a Primetals ed al personale cinese.

Arvedi assisterà Rizhao nelle delicate fasi della messa in servizio della Linea 1 a Tecnologia ESP, affinchè gli obiettivi di produzione in termini quantitativi e di gamma, oltre che qualitativi, vengano raggiunti nel tempi prestabiliti ed in conformità con la pluriennale esperienza conseguita a Cremona.

“Ho provato grande soddisfazione ed orgoglio nel vedere realizzate le nuove linee Arvedi ESP in Cina” commenta l’ingegner Andrea Bianchi, Tecnologo di Processo e Responsabile R&D (senior) per Acciaieria Arvedi, recentemente rientrato a Cremona da un periodo a Rizhao, “interpreto l’imporsi nel mondo di questa tecnologia come la riprova della validità delle soluzioni tecniche concepite in anni di studi, ricerche, innovazione e produzione nell’impianto pilota a Cremona e costantemente aggiornate e sviluppate. Questa tecnologia consentirà anche a Rizhao di realizzare prodotti nuovi in maniera estremamente efficiente, anche dal punto di vista energetico e di compatibilità ambientale. Sono orgoglioso dei colleghi dell’Acciaieria Arvedi che, ancora una volta, hanno dimostrato professionalità ed impegno nell’avviamento di un impianto all’estero. E’ stato particolarmente interessante osservare la prestazione delle linee ESP nel trasformare l’acciaio liquido di Rizhao proveniente esclusivamente dal minerale di ferro nel cosiddetto “ciclo integrale” basato sull’altoforno e quindi meno soggetto alle variabilità tipiche dell’acciaio prodotto nel forno elettrico dai rottami ferrosi come a Cremona”.

Le prime notizie da Rizhao parlano peraltro di un avviamento straordinariamente positivo, serratissimo e senza intoppi: si producono infatti già nastri in modalità “endless” e di spessori già notevolmente ridotti (1,1 mm). Andrea Aiolfi, Ingegnere di Processo di Colaggio e Laminazione, ha guidato il gruppo del personale Arvedi durante la “prima colata” della Linea ESP 1 di Rizhao: “E’ stata sicuramente l’occasione di dimostrare agli esperti del settore come la tecnologia ESP, fortemente voluta dal Cav. Arvedi nell’impianto di Cremona, sia non solo la più avanzata tecnologia per la produzione di laminati piani sottili, ma sia anche affidabile ed esportabile con successo in altre realtà.Il periodo di addestramento di sei mesi fatto dai tecnici e dagli operatori cinesi a Cremona ha sicuramente agevolato l’avviamento dell’impianto: le conoscenze acquisite unite alla fortissima determinazione hanno permesso di accelerare la messa in servizio, consentendo di concentrarsi sulla messa a punto dei parametri del processo”.

“L’esperienza in Cina coadiuvando un ottimo team di nostri specialisti (ingegner Daniele Napolitano, ingegner Carlo Alberto Bruschi, Pier Luigi Galluzzi, Domenico Granata, Andrea Gazzola) proseguirà ancora e si sta dimostrando estremamente positiva ed arricchente dal punto di vista professionale”.

Sono partiti per la Cina o stanno per partire un nutrito gruppo di valenti responsabili tecnici e specialisti: Abele Zapponi, Ing. Paolo Daniele Avancini, Ing. Nicola Barbieri, Sig. Giuseppe Fiore, Cristian Fadini, Ing. Alessandro Rizzi, Sig. Aldo Mantova, Matteo Piccinini, Damiano Carra, Gianluca Sacco, Matteo Angelini, Roberto Vecelli, Salvatore Manfreda, Diego Scazza, Stefano Uggeri, Arch. Andrea Lottici, Ing. Pietro Rivaroli, Angelo Pagani, Gabriele Telò, Sig. Gianfranco Serena, Matteo Bettoni, Roberto Scanacapra, Daniele Sarti, Ing. Marco Novaglia, Fabio Garatti, Ing. Luca Cirelli, Diego Denti, Riccardo Carrara, Andrea Gatti, Amanpreet Singh, Leonardo Zanelli, Stefano Gironi, Franceso Pedrini, Ing. Matteo Ferrarini, Giuseppe Savi, Emanuele Spelta, Carlo Ceruti.

Rizhao Steel ha già sottoscritto contratti per l’installazione di ulteriori 2 linee ESP della larghezza massima di 1300 mm per la sostituzione di colate continue esistenti. Lo straordinario avvio di 5 linee in tempi molto ravvicinati è la testimonianza che Rizhao intende “sfondare” attraverso la tecnologia Arvedi ESP nella produzione di nastri a caldo di spessore sottile ed ultrasottile in Cina, che, con i suoi 600 milioni di tonnellate all’anno è il maggior produttore di acciaio al mondo.

@ RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti