Commenta

Un anno di Galimberti Ventura: 'Comanda il cerchio magico'

Un bilancio decisamente pessimo quello che Fratelli d’Italia-An di Cremona fa del primo anno di amministrazione Galimberti. Un anno in cui, secondo il coordinatore provinciale Stefano Foggetti, “questa Giunta ha dimostrato ampiamente il proprio modus operandi di chiusura totale”.

Tra i punti in discussione, quello più caldo, ossia il tema della raccolta differenziata: “Noi siamo a favore della differenziata, quello che contestiamo è la modalità. Si sta facendo tutto di corsa e a spese dei cittadini. Servirebbe molto più tempo per introdurre un cambiamento così radicale, soprattutto in una popolazione come quella cremonese composta soprattutto da anziani”.

Fratelli d’Italia pone anche l’accento sulla potenziale fusione tra Lgh e A2A, “Che porterebbe Cremona a contare pochissimo nelle decisioni” evidenzia Foggetti; e ancora, la “svendita” di buona parte del patrimonio pubblico: “Stanno svendendo le quote Km, che diventerà a gestione privata, la linea di fibra ottica, il bocciodromo comunale…. è follia” continua Foggetti.

Il partito parla di un vero e proprio “cerchio magico attorno a Galimberti, composto dai membri della sua lista civica, Fare Nuova la Città, dentro a cui si decide ogni cosa, senza confronto con il resto della maggioranza”.

Pesante anche i commenti del consigliere comunale Marcello Ventura, che nel corso di questo anno ha avviato molte battaglie contro l’amministrazione. “Una maggioranza con cui è difficilissimo dialogare – evidenzia il consigliere -, in quanto rifiutano di confrontarsi”.

Tra le questioni sollevate da Ventura, oltre a quella della differenziata, emerge la questione dell’inceneritore (“Vogliono chiuderlo senza nppure aver presentato un piano alternativo”), ma anche il caos dei servizi sociali: “Dopo la riorganizzazione interna, che già era stata avviata ai tempi della giunta Corada e che ora è stata completata, c’è un caos. I pochi assistenti sociali che ci sono non vengono sostituiti, quando vanno in malattia o in ferie, e le famiglie non vengono più seguite da un assistente sociale dedicato, ma da chi capita”. Forti contestazioni anche sulla vicenda delle strisce blu di corso Garibaldi, sulla cultura e sulla realizzazione del nuovo campeggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti