Commenta

Nuovo Cda Ponchielli Alle minoranze negato il revisore dei conti

AGGIORNAMENTO –  Volti almeno in parte nuovi nel Cda della Fondazione Ponchielli, rinnovato oggi nell’assemblea dei soci fondatori per gli esercizi 2015, 2016 e 2017.  All’unanimità sono stati eletti: i tre membri nominati dall’Assemblea dei soci fondatori: Guido Zanetti, Anna Lazzarini e Francesco Marcotti, mentre il quarto consigliere, la cui nomina spetta direttamente al sindaco che è di diritto presidente, è Vito Zucchi. Una riconferma, quest’ultima, visto che l’industriale faceva già parte del Cda precedente, come pure un nome noto al teatro è quello di Marcotti, ex sindaco di Castelvetro piacentino, anch’egli indicato dagli Industriali. Novità assoluta è Anna Lazzarini, laureata in filosofia, antropologa e ricercatrice universitaria, indicata dal Pd. Guido Zanetti, indicato dal Psi, è invece commercialista.

Nominati anche i tre  membri effettivi del Collegio dei revisori: Renzo Rebecchi, Barbara Zanasi e Luigi Foresti, e i membri supplenti: Gladis Facchi e Beatrice Allevi. Polemico sulle scelte dei revisori il componente dell’assemblea (in rappresentanza della minoranza consigliare) Carloalberto Ghidotti di Forza Italia: “Alla minoranza non è stato riservato nemmeno un posto nel collegio dei revisori dei conti, facendo così venir meno un elemento di controllo, secondo un’impostazione del tutto diversa da quella che aveva avuto nello scorso mandato il sindaco Perri. Questo pomeriggio – continua  Ghidotti – quando si è riunita l’assemblea il sindaco ha dichiarato che le nomine erano già state definite, mentre è noto che ci sia tempo fino all’ultimo giorno per presentare le candidature”. Una prova di decisionismo da parte del sindaco che non è affatto piaciuta a Forza Italia  che ha visto la riconferma di  un vecchio nome della politica e dell’amministrazione pubblica cremonese come Renzo Rebecchi, e la scelta degli altri due revisori titolari nell’area del centrosinistra e di Fare Nuova la Città.

Uno dei primi compiti del novo Cda sarà quello di nominare il Sovrintendente: scontato il rinnovo di Angela Cauzzi.

Tra le altre funzioni del Consiglio di amministrazione: deliberare in materia di organizzazione e di personale; nomina del direttore artistico musicale ed eventuali consulenti artistici o tecnici; predisporre, d’intesa con il Sovrintendente, la proposta di documento di programmazione delle attività culturali e artistiche della Fondazione, su base triennale. I membri del Consiglio di Amministrazione restano in carica tre esercizi, ad eccezione del Presidente, che decade allo scadere del proprio mandato amministrativo, e del membro designato dal Sindaco di Cremona, che rimane in carica fino alla nuova designazione.

g.b.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti