6 Commenti

Il gruppo Lameri realizza un nuovo polo produttivo a Castelvetro

A Castelvetro è in arrivo un nuovo sito produttivo, un nuovo stabilimento industriale che darà ossigeno all’economia del paese e ai posti di lavoro nel piacentino e nel cremonese. Il gruppo Lameri sceglie l’area di Castelvetro, tra il casello dell’autostrada e la frazione di San Giuliano per il nuovo capannone che darà lavoro  almeno a 50 persone.

Un investimento da 20 milioni di euro per l’azienda che estenderà la sua struttura su 39mila metri quadrati, di cui 10.000 coperti destinati alla produzione, al confezionamento e al magazzino automatico. Si tratta di un nuovo impianto all’avanguardia per la trasformazione di cereali complementari alle attività produttive del gruppo. I lavori prenderanno il via durante l’estate, per terminare nel 2016.

Grande la soddisfazione del sindaco Quintavalla che, nonostante le promesse mai mantenute dalle altre amministrazioni, è riuscito a portare un’azienda in paese. È stato proprio il sindaco che, facendo inserire Castelvetro nei siti del bacino del terremoto da parte della regione Emilia Romagna, ha permesso di dare agevolazioni e contributi regionali a chi avrebbe investito sull’area. Come ha fatto il gruppo Lameri, che ha perso durante il terremoto lo stabilimento di Cavezzo, nel modenese, e ha deciso di ricominciare da Castelvetro.

Federica Bandirali

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • un fascio di luce

    “Grande la soddisfazione del sindaco Quintavalla” …. e il sindaco di Cremona???… rattopperà i buchi sul ponte del Po (causati dai numerosi camion), giusto… e magari sposterà preventivamente le centraline Arpa che rilevano l’inquinamento della zona..?

    l’ennesimo successo!!!

    • Italiana

      I camion non possono più fare il ponte sul Po, e Castelvetro ha l’uscita autostradale. Cosa non si direbbe pur di fare polemica!

      • un fascio di luce

        .. polemica x polemica: si informi lei su quanti sono i trasporti attualmente autorizzati a transitare sul ponte o verifichi personalmente transitando in zona negli orari lavorativi.. idem le auto dei dipendenti (sperando che siano cremonesi!!). sicuramente questo non significa che anche Lameri farà così, questo è vero. esprimevo il rammarico per aver perso un’azienda importante e un’altrettanta importante occasione di impiego per la nostra città.

        spero che anche in questo lei non veda una ulteriore polemica..

        si parla tanto di riqualificazione, polo tecnologico (a cui prima, quando l’attuale giunta era in minoranza, si è opposta strenuamente, facendo perdere tempo prezioso, ed ora invece, ne fa occasione di vanto in attesa del taglio del nastro tricolore)… e poi perdiamo aziende rappresentative dell’imprenditorialità cremonese.. mi dica lei..

  • un fascio di luce

    “Grande la soddisfazione del sindaco Quintavalla” …. e il sindaco di Cremona???… rattopperà i buchi sul ponte del Po (causati dai numerosi camion), giusto… e magari sposterà preventivamente le centraline Arpa che rilevano l’inquinamento della zona..?

    l’ennesimo successo!!!

    • Italiana

      I camion non possono più fare il ponte sul Po, e Castelvetro ha l’uscita autostradale. Cosa non si direbbe pur di fare polemica!

      • un fascio di luce

        .. polemica x polemica: si informi lei su quanti sono i trasporti attualmente autorizzati a transitare sul ponte o verifichi personalmente transitando in zona negli orari lavorativi.. idem le auto dei dipendenti (sperando che siano cremonesi!!). sicuramente questo non significa che anche Lameri farà così, questo è vero. esprimevo il rammarico per aver perso un’azienda importante e un’altrettanta importante occasione di impiego per la nostra città.

        spero che anche in questo lei non veda una ulteriore polemica..

        si parla tanto di riqualificazione, polo tecnologico (a cui prima, quando l’attuale giunta era in minoranza, si è opposta strenuamente, facendo perdere tempo prezioso, ed ora invece, ne fa occasione di vanto in attesa del taglio del nastro tricolore)… e poi perdiamo aziende rappresentative dell’imprenditorialità cremonese.. mi dica lei..